Sapere Scienza

Sapere Scienza

Volete evitare le zanzare? Prendetevi una gallina

29 Luglio 2016 di 

Questo è il periodo dell'anno in cui odiamo di più le zanzare. Ci rovinano serate all'aperto, non ci fanno dormire la notte e ci costringono a cospargersi di pomate repellenti che talvolta finiscono per respingere anche gli esseri umani. Una soluzione però, a ben pensarci, ci potrebbe essere: allevare galline (almeno nel periodo estivo). Secondo uno studio dell'Università svedese di Scienza dell’Agricoltura di Uppsala, infatti, le galline sarebbero naturalmente protette dalle punture delle zanzare, emettendo odori che le respingono e che potrebbero essere sfruttati anche dagli uomini.

 

La ricerca ha comunque un suo lato serio (e importante). Lotta alle zanzare significa anche lotta alla malaria, malattia il cui vettore sono le zanzare del genere Anopheles, autentica piaga sanitaria soprattutto per le regioni dell'Africa sub-sahariana: secondo l'OMS, lo scorso anno si sono avuti 215 milioni di casi di malaria con 440 mila decessi in tutto il mondo.

 

Gli scienziati hanno scoperto che il motivo per cui le galline vengono di solito ignorate delle zanzare è il loro odore: in particolare, questi simpatici animali da cortile producono naturalmente quattro sostanze che finiscono per avere un'azione insetto-repellente. Testate in alcuni villaggi dell'Etiopia su alcuni volontari, la presenza delle zanzare negli ambienti si è ridotta nel 90-95 per cento.

Ottimi risultati si sono avuti anche tenendo una gallina tra le mura domestiche. Da qui a consigliare di dormire con una gallina nella stanza il passo è stato breve. Saranno queste le reali origini del modo di dire "andare a letto con le galline"?

Stefano Pisani

Laureato in matematica, è giornalista scientifico freelance, comunicatore scientifico e autore umoristico. 

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.