Sapere Scienza

Sapere Scienza
Dal Chiaro di Luna di Beethoven ai Pianeti di Gustav Holz, la musica ha sempre guardato all’astronomia come fonte di ispirazione. Un gemellaggio valido non solo dal punto di vista compositivo: gli strumenti matematici usati per descrivere le vibrazioni del suono e le traiettorie di pianeti, asteroidi e comete hanno…
Cinquant’anni fa non si parlava ancora di riscaldamento globale ma il problema dell’inquinamento dell’aria e dell’acqua era già di attualità. La difesa dell’ambiente era sin da allora un tema popolare e io credo che una delle scintille che hanno contribuito a far nascere questa nuova sensibilità sia stata la prima…
Se incuriositi dal bizzarro nome della missione appena partita alla volta del pianeta Mercurio avete aperto Wikipedia, l'incipit è di quelli che lasciano senza fiato: Giuseppe Colombo, detto Bepi, è stato un matematico, fisico, astronomo, ingegnere e accademico italiano di fama internazionale. È raro in effetti trovare persone che riescono…
Si chiama Plato (PLAnetary Transits and Oscillations of stars) la missione dell'Agenzia Spaziale Europea selezionata di recente per partire, probabilmente nel 2024, alla scoperta di pianeti di tipo terrestre: imprescindibile primo passo nella ricerca della vita nel Cosmo.

L'Accademia dei Lincei, nella sua prestigiosa sede di Palazzo Corsini, a Roma, ricorda Giovanni Bignami, astrofisico e divulgatore, venuto a mancare nel maggio scorso, con un incontro nel quale interverranno i soci Francesco Bertola e Giancarlo Setti, insieme a Piero Angela.

L'evento avrà luogo il 15 dicembre, a partire dalle ore 15:30

Informazioni aggiuntive

  • città Roma
Un recente articolo sulla rivista Frontiers in microbiology riporta un interessante dato: in condizioni di microgravità alcuni virus si riattiverebbero nel corpo degli astronauti. Si tratta in particolar modo di membri della famiglia degli Herpes virus, fra cui il Citomegalovirus, il virus Varicella-Zoster, l'Herpes simplex I e il virus di…

L'intelligenza artificiale è la protagonista di numerose ricerche in altrettanto numerosi ambiti della scienza: dalle scienze dei materiali alla fisica, passando anche per le discipline umanistiche. Sono in grado di macinare enormi quantità di dati e questo le rende attualmente degli strumenti insostituibili. Recentemente sono stati progettati nuovi modi per analizzare dati con le AI e questi traguardi sembrano suggerirci una domanda molto insidiosa. In un futuro lontano le macchine sostituiranno gli scienziati? Un articolo pubblicato su Quanta magazine riflette sulla questione.

L’astronomia è antica. Quanto, è difficile dirlo, ma di certo precede di molto la storia scritta. Non a caso, infatti, è l’unica scienza ad avere una sua musa ispiratrice, Urania. Se è vero che l’astronomia più antica è ben diversa da quella che conosciamo oggi, è altrettanto vero che essa…
Pagina 1 di 2

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.