Sapere Scienza

Sapere Scienza

I bambini affetti da disturbi dello spettro autistico mostrano spesso difficoltà nel riconoscimento delle emozioni provate dalle persone che li circondano. In un nuovo studio, i cui risultati sono stati pubblicati su Science Robotics, è stata testata una terapia che ha come protagonista un piccolo robot in grado di mostrare differenti stati emozionali ai pazienti e di registrarne le reazioni. I dati raccolti, elaborati da una intelligenza artificiale, promettono di poter essere la base di nuove terapie personalizzate per far sì che i soggetti interessati possano imparare ad interagire sulla base delle emozioni proprie e dell'interlocutore, in questo caso il robot stesso.

Un nuovo test per la diagnosi dell’autismo è stato messo a punto dai ricercatori dell’Università di Warwick (Regno Unito), in collaborazione con l’Università di Birmingham, l’Università e l’Istituto di Scienze Neurologiche di Bologna e la Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS. Sono semplici esami delle urine e del sangue in cui sono presenti dei marker che sembrano essere legati alla patologia.

Ne abbiamo sentito tanto parlare a causa della falsa notizia sulla sua correlazione con i vaccini. Cos’è l’autismo? Se ne conoscono le cause? Quali sono i sintomi che devono allarmare i genitori? Cerchiamo di chiarire i concetti principali per comprendere la patologia.

In questi ultimi anni si sta assistendo alla recrudescenza di una malattia che era molto vicina all'eradicazione: il morbillo. Recentemente, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha considerato inadeguata la copertura vaccinale di molti Paesi nel mondo, tra cui l’Italia. Per esempio, sono oltre 80 i casi di morbillo che si sono registrati negli Stati Uniti (in 14 diversi stati) dall'inizio di quest'anno, soprattutto in seguito al focolaio scoppiato al parco Disneyland in California. Proprio quegli Stati Uniti in cui il morbillo era stato dichiarato scomparso nel 2000. 

L'ossitocina potrebbe migliorare sensibilmente il comportamento in caso di autismo. E' quello che hanno scoperto alcuni ricercatori della University of California di Los Angeles che hanno lavorato su un modello murino della malattia.

Pagina 1 di 2

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.