Sapere Scienza

Sapere Scienza

Le passeggiate estive ci portano spesso a osservare la bellezza della natura, i suoi profumi, i colori e le forme: geometrie precise che si ripetono, progetti perfetti che fatichiamo a immaginare non realizzati da un software di grafica. Quei pattern che vediamo disegnati sulle ali di una farfalla, ma che possiamo seguire anche attraverso le macchie del manto di un ghepardo o nelle strisce nere della zebra, avevano ispirato alcune riflessioni scientifiche anche nel famoso matematico Alan Turing.

Cooperare è fondamentale affinché le società umane possano vivere e prosperare ed è decisivo per superare le sfide sociali che al giorno d'oggi si presentano. Come si riesce a cooperare e come è possibile mantenere questa condizione? Questo quesito è al centro di ricerche nell'ambito delle scienze biologiche e sociali. Uno studio condotto dal Laboratorio di intelligenza artificiale della NASA in collaborazione con l'Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR-ISTC) di Roma e l'Università di Cartagena in Colombia, pubblicato sulla rivista Physical Review, ha messo in luce per la prima volta l'esistenza di un punto critico nei sistemi cooperativi umani, mostrando il ruolo cruciale giocato dalle norme sociali.

Sono tra gli animali che più incuriosiscono biologi e appassionati, si nascondono nelle gelide acque delle profondità marine e ciò che si conosce di loro deriva per lo più dallo studio di cadaveri ritrovati nelle reti e campioni conservati nei musei di storia naturale: sono i pesci abissali. Ora un video, girato nel 2016 e pubblicato recentemente nelle pagine del sito di Science, ci mostra un momento di vita di questi strani esseri viventi, così difficili da osservare.

Presto sarà possibile esplorare gli oceani da un punto di vista molto particolare. È quello di SoFi, un pesce robot su cui stanno lavorando i ricercatori del Computer Science and Artificial Intelligence Lab del Massachusetts Institute of Technology. Il suo primo test è stato effettuato nelle acque della Rainbow Reef delle isole Fiji, dove è riuscito a raccogliere foto e video ad alta risoluzione utilizzando un obiettivo fish-eye (e come potrebbe essere altrimenti?).

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.