Sapere Scienza

Sapere Scienza

Gli astronomi dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics hanno annunciato la scoperta di otto nuovi pianeti che con alte probabilità si trovano nella cosiddetta "Goldilocks zone", ovvero la regione abitabile intorno a una stella. Due di essi hanno una somiglianza record con la Terra.

Non vi fate tradire dalla parola "abitabile". L'esopianeta K2-18 b, la cui composizione atmosferica ha rivelato la presenza di vapore acqueo, non sarà il nostro piano b, un nuovo approdo da conquistare per abbandonare la nostra casa, ormai in via di distruzione. Nonostante questo, i dati raccolti e analizzati significano molto per la scienza e per il nostro futuro. Qual è il motivo? Ve lo spieghiamo nei prossimi paragrafi.

Il caso di TRAPPIST-1 - così si chiama il nuovo sistema planetario scoperto di recente e balzato subito agli onori della cronaca - è esemplare nel senso che rappresenta sicuramente un bel passo in avanti nella ricerca di vita nell’Universo, ma non di più. Purtroppo per il tanto atteso annuncio bisogna ancora aspettare.

Nelle sale cinematografiche sta per arrivare la pellicola su Han Solo, uno dei protagonisti della celebre e amatissima saga di Star Wars. Uno dei luoghi più evocativi della vecchia pellicola è Tatooine, il pianeta in cui è vissuto Luke Skywalker e dal quale si può ammirare un tramonto con due soli. Ed ecco che la fantasia irrompe nella realtà: corpi celesti che ruotano intorno a due o più soli esistono e gli astronomi della Columbia University hanno trovato un modo per individuare quelli che potrebbero ospitare la vita.

Non stiamo parlando della trama di un libro di fantascienza. Shark è l’acronimo di System for coronography with High order Adaptive optics from R to K band, uno strumento di nuova generazione che permetterà di osservare e analizzare esopianeti – i pianeti che si trovano al di fuori del nostro Sistema solare – e molto altro.

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.