Sapere Scienza

Sapere Scienza

È stato di recente caratterizzato un gene dello Staphylococcus aureus coinvolto nella virulenza, nella formazione di biofilm (aggregati di batteri) e nella resistenza ad alcuni antibiotici. Gli studi sono stati svolti da un gruppo di ricerca dell’Institut Pasteur - CNRS di Parigi e i risultati sono stati pubblicati nelle pagine della rivista internazionale PLoS Pathogens. Cos’è lo Staphylococcus aureus e perché questo lavoro potrebbe essere importante in termini di sanità pubblica? Scopriamolo insieme.

La comprensione dell'organizzazione spaziale del genoma umano rappresenta un aspetto importante quasi quanto il suo sequenziamento. Uno studio recentissimo di un'équipe di ricerca di Houston (Texas) guidata da Erez Lieberman Aiden ci ha ora fornito le prime mappe 3D ad alta risoluzione del nostro genoma.

Il gusto particolarmente amaro di alcune birre è ciò che fa la differenza tra amanti, degustatori e produttori artigianali della bevanda. Questa caratteristica è conferita dal luppolo (Humulus lupulus) e bilancia le note dolci di ingredienti quali l’orzo. Un gruppo di ricercatori della University of California, Berkeley è riuscito a conferire il giusto sapore amarognolo senza l’aggiunta di luppolo, modificando il DNA del lievito adoperato nella preparazione della birra. Come e perché hanno sperimentato questa soluzione?

Siamo i nostri geni. Ma i nostri geni sono sempre gli stessi, in tutte le nostre cellule? E’ prevedibile che nel grande numero di divisioni cellulari necessario per la formazione del nostro organismo adulto si verifichino errori che possono modificare in vario modo il nostro genoma. Il nostro corpo è in realtà un mosaico di cellule con genomi leggermente diversi, fenomeno che viene definito “mosaicismo somatico”.

Nel corso della storia gli esseri umani hanno domesticato molte specie animali, tra cui i conigli. Sembra, però, che le origini di questa particolare domesticazione non siano chiari. Un articolo pubblicato su Trends in Ecology and Evolution ha affrontato la questiona da tre differenti punti di vista, per poter dissipare i dubbi a riguardo.

I cromosomi X e Y, responsabili della determinazione del sesso nei mammiferi, si sono evoluti da una coppia di autosomi (cromosomi non sessuali) nel corso di 300 milioni di anni. Durante il processo evolutivo il cromosoma Y ha acquisito e amplificato geni importanti per la determinazione sessuale e però, allo stesso tempo, ha perso la maggior parte dei geni ancestrali. Ne ha mantenuti infatti solo il 3 per cento, una quota impressionante se comparata al 98 per cento mantenuta dal cromosoma X. Il cromosoma Y continuerà a degenerare fino a scomparire?

Pagina 1 di 3

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.