Sapere Scienza

Sapere Scienza

Per quanto possa sembrare sorprendente, i modelli matematici e gli algoritmi di calcolo riescono a supportare il successo industriale praticamente in tutti i settori produttivi. Per esempio, pochi conoscono le applicazioni di successo della matematica nel settore della moda e della produzione tessile.

Le passeggiate estive ci portano spesso a osservare la bellezza della natura, i suoi profumi, i colori e le forme: geometrie precise che si ripetono, progetti perfetti che fatichiamo a immaginare non realizzati da un software di grafica. Quei pattern che vediamo disegnati sulle ali di una farfalla, ma che possiamo seguire anche attraverso le macchie del manto di un ghepardo o nelle strisce nere della zebra, avevano ispirato alcune riflessioni scientifiche anche nel famoso matematico Alan Turing.

I meandri di un fiume che disegnano percorsi sinuosi, le ripide falesie e le morbide dune di una spiaggia o di un deserto. Queste sono solo alcune delle forme del paesaggio, il frutto del continuo modellamento della parte più superficiale del nostro pianeta. Gli scienziati della New York University si sono chiesti se queste sculture naturali abbiano memoria della propria storia. A cosa serve saperlo e come sono riusciti a trovare una soluzione a questo quesito? Continuate a leggere e lo scoprirete.

Le conferenze sono delle occasioni imperdibili per gli scienziati per potersi confrontare sul lavoro svolto nelle discipline di appartenenza ma anche momenti di condivisione dei propri interessi, al di là della professione. Così è successo che Mark Glickman, lettore in statistica presso l'Università di Harvard, e Jason Brown, professore di matematica alla Dalhousie University, abbiano iniziato a conversare del loro comune interesse per i Beatles. Tra gli argomenti preferiti dei fan vi è sicuramente l'attribuzione di alcune canzoni di cui non è ancora chiaro chi sia l'autore. Perché non chiedere una mano alla statistica per trovare una soluzione per questo mistero?

È ben noto che la famosa tabellina pitagorica continua a tormentare bambini e bambine e non solo in Italia. Non è raro ascoltare nelle nostre scuole primarie o secondarie : "Maledetto Pitagora che le ha inventate!". Il povero Pitagora non c'entra con le tabelline, ma nella cultura popolare infantile Pitagora è l'autore di buona parte della matematica.
La difficoltà di memorizzazione della tavola della moltiplicazione è riscontrabile in diversi Paesi e in diverse epoche a giudicare dal numero di giocattoli inventati per aiutare gli scolari.

Le geometrie che osserviamo in natura ci stupiscono nella loro regolarità. Il mondo vegetale ci dona tutti i giorni un caleidoscopio di colori e forme dal ritmo ipnotizzante: il girotondo dei petali dei fiori, la marcia immobile delle spine delle piante succulente, le esplosioni pirotecniche di alcune infiorescenze. E poi ci sono le foglie. La loro disposizione ha da sempre incuriosito gli scienziati che, negli anni Novanta, riuscirono a spiegare matematicamente gli schemi seguiti da queste strutture. Modelli che erano in grado di decifrare molto ma non tutto. Ora un gruppo di ricercatori dell'Università di Tokio ha aggiunto nuovi elementi di calcolo, riuscendo a illustrare schemi di foglie che, fino a ora, non trovavano un'equazione che li descrivesse.

Guardando le infiorescenze di un girasole nell’immagine di copertina, è facile notare qualcosa che spesso ci sfugge: la distribuzione dei singoli fiori segue una regola precisa. Non siamo più abituati all’osservazione attenta dell’universo che ci circonda e purtroppo non ci accorgiamo che la bellezza della natura ci parla attraverso il linguaggio della matematica.

Dopo 44 anni c'è nuovamente un italiano tra i matematici insigniti della Medaglia Fields, maggior riconoscimento mondiale per la matematica, assegnato dall'Unione Matematica Internazionale: è Alessio Figalli, 34 anni, matematico teorico e professore ordinario al Politecnico di Zurigo.

Massimiliano Foschi e Daniele Gouthier, autori del libro pubblicato da Edizioni Dedalo, "Dar la caccia ai numeri", saranno i protagonisti dell'omonimo evento "Dar la caccia ai numeri - Enigmi, problemi e giochi matematici", una conversazione su logica e matematica che avraà luogo durante il Festival della Scienza di Genova.

Informazioni aggiuntive

  • città Genova
Pagina 1 di 4

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.