Sapere Scienza

Sapere Scienza

Bianca, leggera e silenziosa: è la neve che sta ricoprendo strade, case e alberi in questi giorni d’inverno. La poesia che la circonda non finisce qui: ci sono i fiocchi di neve che, con le loro straordinarie strutture, sanno sorprendere grandi e piccini. Ancora una volta la scienza è in grado di spiegarci come si formano queste intricate geometrie senza, però, dissolverne la magia che le accompagna.

In futuro farà più caldo e quindi nevicherà di meno. Questo assioma intuitivo, quasi lapalissiano, è in grado di generare aspettative e turbamenti non da poco in chi fa della presenza/assenza di neve una ragione di vita, come per esempio gli operatori turistici della montagna. Ma in un recente numero della rivista Nature, Paul A. O’Gorman del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge ha spiegato che l'assioma non trova completo fondamento nelle scienze del clima. Certo, se farà più caldo nevicherà mediamente di meno, ma la quantità di neve che cadrà nel corso di eventi estremi (nevicate copiose) aumenterà, andando a compensare la media. 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.