Sapere Scienza

Sapere Scienza
Alla fine del mese di febbraio i principali organi di informazione hanno riportato con clamore la notizia che Apple si è opposta alla richiesta da parte dell'FBI, avanzata davanti alla Corte Distrettuale della California, di accedere ai dati di un iPhone utilizzato nell’attacco terroristico di San Bernardino nel dicembre del…

La nostra presenza nel mondo digitale è costante e costante è il flusso di dati che inviamo attraverso la rete. Per scaricare app, per iscriverci a eventi o servizi, per pagare un oggetto o una bolletta, inseriamo negli appositi form informazioni su di noi, quelle stesse informazioni che poi possono diventare parte di enormi database ed essere strumenti per differenti scopi, dalle statistiche mediche all'invio di pubblicità personalizzata. Per proteggere la nostra privacy quei dataset sono sottoposti a un processo di anonimizzazione, eliminando i dati sensibili. È sufficiente far questo per garantire che la nostra identità non venga rintracciata? Secondo un recente studio, pubblicato su Nature Communications, sembra proprio di no.

petrocelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.