Sapere Scienza

Sapere Scienza

L’evoluzione di vertebrati complessi - come i serpenti - è da tanto tempo argomento di studi e dibattiti, ma solo grazie alle evidenze fossili possiamo avere un quadro sempre migliore di quanto accaduto.

La semplice osservazione dello scheletro di un serpente moderno non può che farci meravigliare: si tratta infatti di uno dei vertebrati più incredibili dal punto di vista delle modifiche al “piano strutturale di base” su cui tutti gli animali dotati di cranio sono modellati.

Recentemente diverse testate, tra cui alcune blasonate come il Daily Telegraph, hanno riportato una notizia che starebbe certamente bene in un archivio di criptozoologia, non tanto come esempio di riscoperte di specie considerate estinte, quanto come ottimo modo per diffondere male (per errore o per calcolo, come purtroppo accade alle volte) una notizia altrimenti meno interessante per il grande pubblico. Un’équipe di ricercatori italiani ha infatti reso noto di aver ritrovato in Sicilia una specie di serpente prima sconosciuta tra i serpenti italiani. Si tratta dell’Eryx jaculus, o “boa delle sabbie”.

petrocelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.