Sapere Scienza

Sapere Scienza
È stato di recente pubblicato il rapporto della commissione Ichese (International Commission on Hydrocarbon Exploration and Seismicity in the Emilia Region), istituita nel 2012 per valutare possibili relazioni tra la sequenza sismica emiliana del maggio 2012 e le attività di sfruttamento e stoccaggio di idrocarburi nelle zone colpite dal terremoto.
E' stato ufficialmente pubblicato il rapporto finale della commissione ICHESE sulle possibili cause antropiche dei terremoti in Emilia nel 2012. Il rapporto è ben strutturato e comprende una appendice che sarà molto utile a tutti coloro che vogliono essere informati sulla sismicità indotta.
Cinque anni fa, il Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio incaricò una Commissione Internazionale (ICHESE) per investigare se vi fossero state attività umane che potessero avere indotto o innescato il terremoto in Emilia del 2012. La commissione concluse che non poteva essere escluso che la re-iniezione di fluidi…
A volte è necessario introdurre neologismi. Dopo aver coniato quello di sismobufale, in analogia con le meteobufale tanto care al meteorologo Luca Lombroso, penso sia ora di introdurre antroposeismofobia, ovvero il terrore che tutti i terremoti siano causati dall'uomo.
Si è svolto a fine novembre a Bologna il 33mo convegno del Gruppo Nazionale di Geofisica della Terra Solida. Si tratta dell'unico convegno in Italia dedicato annualmente alla geofisica e alla sismologia, in cui oltre 400 partecipanti si trovano per presentare e discutere le ricerche in corso.
L'ISPRA ha reso pubblico sul proprio sito il Rapporto sullo stato delle conoscenze riguardo alle possibili relazioni tra attività antropiche e sismicità. Il documento è stato redatto da ricercatori dello stesso ente con la collaborazione di personale di INGV, CNR, OGS, Dipartimento Protezione Civile e Ministero dello sviluppo economico.

petrocelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.