Sapere Scienza

Sapere Scienza

Vulcani e terremoti, una relazione complicata

di 

Due recenti episodi, entrambi riguardanti vulcani dell'Alaska e delle Isole Aleutine hanno posto in evidenza la relazione a volte fruttuosa, a volte meno, tra sismologia e vulcanologia.

In un recente articolo pubblicato sul Bullettin of Seismological Society of America e divulgato anche su EOS, viene proposto un metodo innovativo per monitorare i numerosi vulcani che in un'area selvaggia e remota non sono dotati di una propria rete di monitoraggio. L'idea è quella di sfruttare l'impatto al suolo delle onde acustiche generate dalle esplosioni vulcaniche, che a loro volta generano onde sismiche. Le onde acustiche in aria sono circa 10 volte più lente delle onde sismiche, quindi una rete di monitoraggio a distanza può registrare sia la sismicità precedente o associata all'eruzione e quindi riconoscere successivamente  dalla presenza delle onde GCA (ground-coupled airwaves) che è effettivamente in atto una eruzione.

Dall'altro lato, però, si è osservata nella stessa area una potente eruzione del vulcano Pavlof non preceduta da terremoti. Nella descrizione dell'accaduto i ricercatori dell'Alaska Earthquake Center spiegano come sia stato possibile. Il vulcano Pavlof, il più attivo del Nord America, è un vulcano a condotto aperto. Questo significa che il magma è sempre presente nel cratere e che non deve farsi strada rompendo rocce consolidatesi da tempo. La mancanza di ostacoli a una improvvisa risalita di ulteriore lava dal profondo evita quindi la generazione di terremoti  precursori della eruzione.

Volendo fare un paragone con l'Italia, questo potrebbe accadere a Stromboli, che è un vulcano perennemente attivo, ma non al Vesuvio o ai Campi Flegrei, dove il magma per raggiungere la superficie dovrebbe farsi strada tra le rocce solidificate delle passate eruzioni.

 

Marco Mucciarelli

Laureato in Fisica, dal 1998 è stato professore associato di Geofisica della Terra Solida presso l'Università della Basilicata. Dal luglio 2012 è stato Direttore del Centro Ricerche Sismologiche dell'Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale. Si è occupato di sicurezza sismica di grandi strutture, sismicità indotta e microzonazione sismica. Scomparso nel 2016, è stato un divulgatore brillante, che si è speso con passione per aumentare la consapevolezza sul rischio sismico in Italia.

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.