Sapere Scienza

Sapere Scienza

Creato il primo embrione uomo-maiale

27 Gennaio 2017

Creato per la prima volta al mondo un embrione ibrido uomo-maiale: la scoperta potrebbe aprire la possibilità di ottenere organi da far crescere negli animali e da trapiantare negli uomini.

Si tratta della prima volta che in un embrione si combinano due specie grandi e così distanti.

Juan Carlos Izpisua Belmonte, che ha condotto il lavoro sull'embrione uomo-maiale, appartiene al Salk Institute for Biological Studies di La Jolla, California. "L'obiettivo finale è crescere tessuti o organi funzionali o trapiantabili, ma siamo ancora lontani. Questo però è un primo passo importante" ha dichiarato Belmonte.

Gli scienziati hanno creato la prima chimera ratto-topo circa un decennio fa, ma finora c'era stata difficoltà a combinare cellule umane con quelle di un animale più grande.

 
La nuova procedura

Gli scienziati hanno ricavato cellule staminali da cellule umane adulte e le hanno introdotte in un embrione suino ai primi stadi di crescita. L'embrione, crescendo in delle scrofe, ha mostrato di contenere una piccola frazione di cellule umane. Lo scopo finale è sviluppare un maiale che abbia organi umani selezionati, pienamente trapiantabili.

Come si legge sulla rivista Cell, gli scienziati hanno creato oltre 2000 ibridi embrionali: oltre 150 embrioni si sono sviluppati in chimere che erano principalmente suine ma con un piccolo contributo umano di circa una cellula ogni 10.000. L'embrione è stato lasciato crescere per 28 giorni prima di essere rimosso. "Il tempo sufficiente per capire come cellule umane e suine possono mescolarsi insieme, evitando anche preoccupazioni di carattere etico" ha detto Belmonte.

 

Le applicazioni e le precauzioni

Secondo gli scienziati non solo sarà un giorno possibile usare i maiali come "incubatori" per organi umani che siano geneticamente compatibili con i pazienti ma sarà anche possibile usare questi animali per testare nuove medicine in modo più sicuro ed efficace.

 

Per portare a termine correttamente la procedura, gli scienziati spiegano che è necessario iniettare le cellule staminali umane nell'esatto periodo dello sviluppo dell'embrione, altrimenti l'efficienza del metodo potrebbe essere scarsa. Inoltre, le cellule umane dovranno essere ingegnerizzate per evitare che concorrano a formare il cervello della chimera oltre a subire le modifiche genetiche necessarie a indurre la formazione di specifici organi destinati poi al trapianto.

 

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.