Sapere Scienza

Sapere Scienza

Un combustibile liquido dalla luce solare

10 Febbraio 2015

La luce solare può aiutare a ottenere combustibili in modo rinnovabile. Di solito, però il principio sfruttato è quello della elettrolisi dell'acqua, ossia il procedimento secondo cui l'elettricità (nel caso specifico prodotta da celle fotovoltaiche) spezza nei suoi componenti di base una molecola di acqua, liberando idrogeno e ossigeno. Questi due elementi, rilasciati in forma gassosa, rappresentano sostanze estremamente combustibili. Tuttavia, questo tipo di approccio risulta poco pratico perché la maggior parte delle infrastrutture a cui sono destinati combustibili in ingenti quantità è progettata per ospitare carburante in forma liquida.

Adesso, però, arriva una nuova idea dall'Università di Harvard. Come si legge sulla rivista PNAS, Daniel Nocera e i suoi collaboratori hanno ideato un sistema bioelettrochimico che permette di ottenere combustibile liquido a partire dall'energia solare. Il segreto è un batterio, il Raistonia eutropha, che, usato con l'idrogeno liberato dall'acqua con l'elettrolisi, riesce a convertire l'anidride carbonica in un combustibile liquido, l'alcol isopropilico. Inoltre, i catalizzatori impiegati per innescare le necessarie reazioni chimiche non sono, come spesso accade, metalli preziosi come il platino ma metalli molto diffusi che conferiscono al processo una ragguardevole efficienza complessiva.

copertina   luglio-agosto 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.