Sapere Scienza

Sapere Scienza

Fisica statistica, da informazioni parziali alla comprensione di una rete globale

15 Febbraio 2019

Esistono numerosi campi in cui si posseggono solo informazioni non complete di determinati sistemi ma è necessario capirne la struttura globale. La soluzione a questo problema l'hanno fornita i ricercatori dell'Istituto dei Sistemi Complessi del CNR (CNR-ISC), della Scuola IMT Alti Studi Lucca e dell'Università di Leiden in uno studio pubblicato su Nature Reviews Physics.

 

La ricerca

 

Molti sistemi socio-economici e naturali possono essere efficacemente trasformati in modelli, come reti in cui i nodi rappresentano gli elementi che interagiscono tra loro e i legami le interazioni stesse le quali spesso danno luogo a strutture complesse e irregolari. Tale modellizzazione è fondamentale per lo studio approfondito di tali sistemi: talvolta, però, non si ha accesso alla struttura totale della rete, ma si ha un'informazione parziale, da cui sorge la necessità di elaborare modelli statistici adatti alla ricostruzione della rete globale. Fisici esperti di teoria delle reti dell'Istituto dei Sistemi Complessi del Consiglio Nazionale delle Ricerche, in collaborazione con colleghi della Scuola IMT di Lucca e dell'Università di Leiden in Olanda, hanno pubblicato nel numero inaugurale di Nature Reviews Physics un lavoro dove si presenta un approccio matematico comune a questi problemi, basato sui metodi e le idee proprie della fisica statistica, che permette ampie applicazioni in ambiti scientifici che vanno dalla biologia alla descrizione delle reti sociali ed economiche.

 

banner articoli sapere2

 

Applicazioni

 

Il lavoro riassume i risultati di una lunga collaborazione che ha permesso di formulare una vera e propria meccanica statistica basata sui concetti di ensemble statistici e di massima entropia vincolata. Ciò consente di ricostruire molti sistemi interagenti reali schematizzabili come reti d'interazioni e permette applicazioni molto importanti dal punto di vista scientifico. Un'applicazione importante consiste nel capire quali proprietà strutturali della rete contengono l'informazione fondamentale e quali sono sostanzialmente casuali. Tale distinzione viene fatta attraverso un confronto con modelli detti nulli, ottenuti tramite la stessa tecnica meccanico-statistica che consente di eseguire test statistici anche in presenza di una sola osservazione della rete reale.

 

Reti finanziarie

 

"Spesso questi sistemi sono schematizzati come reti per le quali, nel recente passato, sono stati sviluppati molti strumenti teorici e numerici di analisi, a partire dalla teoria matematica dei grafi. È il caso per esempio delle reti bancarie che scambiano moneta o titoli, degli ecosistemi con specie legate da rapporti preda-predatore o delle rete funzionali delle aree corticali del cervello, che interagiscono dinamicamente", ha spiegato Andrea Gabrielli, ricercatore CNR-ISC. "Tuttavia, per limiti sperimentali o imposti dall'esterno, come le clausole di privacy che non permettono la conoscenza di tutti gli scambi finanziari in una rete interbancaria, l'informazione parziale sulla rete rende necessaria la formulazione di modelli statistici per dedurne le sue proprietà strutturali".
Una delle applicazioni principali di questa nuova metodologia è appunto relativa alle reti finanziarie. "Le banche sono infatti obbligate a rivelare il proprio debito e credito totale, ma in genere non permettono l'accesso a informazioni riguardo ai singoli scambi con altre istituzioni finanziarie. Questa mancanza di conoscenza determina l'impossibilità di misurare la presenza di un'eventuale instabilità nascosta del sistema", ha proseguito il collega di istituto, Giulio Cimini. "Ad esempio, se la banca A ha prestato denaro alla banca B, che a sua volta ha prestato denaro a una banca instabile C, non solo B, ma anche A diventa instabile per effetto della catena di prestiti. Quando le banche centrali hanno testato i diversi metodi teorici in letteratura per ricostruire un sistema bancario, quello da noi proposto è risultato il migliore".

 

Rimaniamo in argomento con l'articolo di Vincenzo Bonifaci, "Un nuovo algoritmo per il confronto di reti". Potrete acquistarlo e leggerlo singolarmente o con il numero di agosto 2016 di Sapere.

copertina   maggio-giugno 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.