Sapere Scienza

Sapere Scienza

Alzheimer: un vaccino entro pochi anni?

18 Luglio 2016

Un team di scienziati provenienti dall'Australia e dagli Stati Uniti hanno fatto progressi sulla strada di un vaccino che potrebbe prevenire, e in alcuni casi invertire, i sintomi della demenza, dell'Alzheimer e di altre malattie collegate a queste patologie.

Il farmaco è preparato per colpire le proteine tau e le beta-amiloidi che causano l'Alzheimer e sono responsabili del decorso di questo disordine. Secondo Nikolai Petrovsky della Flinders University, Australia, il farmaco potrebbe essere pronto per la sperimentazione sull'uomo anche in due o tre anni.

 

Gli anticorpi del candidato vaccino funzionano come dei carri attrezzi che rimuovono le proteine nocive: il nuovo trattamento è stato ottenuto combinando due potenziali vaccini separati, uno per le proteine tau e uno per quelle beta amiloidi.

Ogni anno nel mondo vengono diagnosticati circa 7,5 milioni di nuovi casi di Alzheimer e il panorama è destinato a peggiorare considerando che la vita media si allunga e che aumentano i casi di diabete di tipo due, un importante fattore di rischio per l'Alzheimer, nelle società occidentali. L'Alzheimer è attualmente la più comune causa di demenza nella terza età.
Gli scienziati della Flinders University hanno lavorato in partnership con l'Institute of Molecular Medicine (IMM) e la University of California di Irvine. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

copertina   luglio-agosto 2018

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.