Sapere Scienza

Sapere Scienza

Impiantato per la prima volta un embrione artificiale in un topo

4 Maggio 2018

È l’Università di Maastricht, in Olanda, a ottenere un importante primato nella ricerca scientifica: un team di scienziati è riuscito per la prima volta a impiantare un embrione artificiale in una femmina di topo. La gravidanza non è andata avanti ma questo esperimento è la base privilegiata attraverso la quale comprendere cosa succede nelle prime fasi di una gestazione e mettere a punto nuove terapie per combattere l’infertilità.

 

Il precedente studio dell’Università di Cambridge

 

Già nel 2017 gli studiosi dell’Università di Cambridge erano riusciti a creare artificialmente una struttura simile a un embrione di topo, utilizzando due tipi di cellule staminali e una “impalcatura” tridimensionale in cui potessero crescere. Questa volta, però, è stato fatto un ulteriore passo avanti: l’embrione è stato impiantato e si è riusciti a osservare le prime fasi del suo sviluppo.

 

banner articoli sapere2

 

L’esperimento

 

I ricercatori olandesi hanno trovato il modo di sviluppare in laboratorio una blastocisti artificiale di topo. Una blastocisti è un embrione di mammifero nella fase iniziale, prima che venga impiantato nell’utero. È una sfera formata da uno strato esterno di cellule, quello che diventerà la placenta, e un piccolo gruppo di cellule interne, il futuro embrione. Quello che è stato ricreato in laboratorio è un blastoide, una versione artificiale della blastocisti: i due tipi di cellule staminali, quelle da cui si genera la placenta (cellule staminali del trofoblasto) e quelle dell’embrione vero e proprio (cellule staminali embrioniche), sono state coltivate separatamente e quindi, successivamente, messe insieme in una specifica proporzione e stimolate con un mix di molecole. Le cellule hanno quindi iniziato a comunicare e a organizzarsi in maniera indipendente, fino a creare una struttura - del tutto simile a un embrione naturale - che è stata poi impiantata nell’utero di una femmina di topo.

 

Una lente di ingrandimento sulle prime fasi della gravidanza

 

Lo scopo di questo studio non è generare esseri viventi artificiali (infatti la gravidanza della topolina è terminata dopo poco). Purtroppo si sa ancora pochissimo sull’iniziale sviluppo dell’embrione ma, grazie a questa ricerca, sarà possibile avere a disposizione un numero illimitato di modelli di embrione da poter impiantare, uno strumento efficace per poter arrivare a nuove cure per l’infertilità o per comprendere la genesi di malattie che hanno origine da piccole imperfezioni dell’embrione stesso.

copertina   settembre-ottobre 2018

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.