Sapere Scienza

Sapere Scienza

L'ora legale aumenta il rischio di infarto?

27 Marzo 2015

Attenti all'ora legale, potrebbe portare problemi di salute. Lo sostiene uno studio dell'Università del Michigan, secondo cui il primo giorno feriale dopo lo spostamento delle lancette avanti di un'ora è a grande rischio infarto. Nella notte tra sabato 28 e domenica 29 marzo sarà reintrodotta l'ora legale, con le lancette spostate un'ora in avanti e il conseguente guadagno di un'ora di luce al giorno.

 

L'ora legale fa male al cuore?

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Open Heart, le persone hanno il 24 per cento di probabilità in più di avere un attacco cardiaco nel lunedì immediatamente successivo all'entrata in vigore dell'ora legale. Per la loro ricerca, Hitinder Gurm e colleghi dell'Università del Michigan hanno esaminato i ricoveri ospedalieri in Michigan tra il primo gennaio 2010 e il 15 settembre 2013, periodo durante il quale si sono registrati 42 mila crisi cardiache.

 

I benefici dell'ora solare

L'introduzione dell'ora solare, in autunno, aveva invece un effetto positivo. Esaminando i dati, gli scienziati hanno infatti scoperto che faceva abbassare del 21 per cento la probabilità di avere un attacco di cuore. Le cause dell'aumento del rischio cardiaco in regime di ora solare non sono state ancora accertate e i ricercatori hanno molte teorie. Tra queste, un'alterazione del ritmo circadiano e dei livelli di cortisolo, l'ormone che aiuta a gestire lo stress e la concentrazione di zuccheri nel sangue.

copertina   settembre-ottobre 2018

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.