Sapere Scienza

Sapere Scienza

La vitamina D in gravidanza potrebbe prevenire l'autismo?

24 Marzo 2017

La vitamina D, somministrata durante la gravidanza, sembra avere un buon effetto di prevenzione nei confronti dell'autismo. Almeno questo è il risultato ottenuto sui topi. La ricerca, condotta dalla University of Queensland, Australia, è ancora nelle prime fasi ma gli scienziati ritengono che la vitamina D possa giocare un ruolo molto importante nei primi stadi dello sviluppo cerebrale. Precedenti ricerche avevano suggerito che un deficit di vitamina D potrebbe influenzare l'aumento delle dimensioni e la forma particolare del cervello osservato nelle persone con disordine dello spettro autistico.

 

La vitamina D 'attiva'

"Il nostro studio ha analizzato il più accreditato modello di autismo murino, in cui i topi si comportano in modo anomalo e mostrano deficit nell'interazione sociale, l'apprendimento di base e i comportamenti stereotipati", ha spiegato Darryl Eyles, uno dei ricercatori coinvolti nello studio pubblicato sulla rivista Molecular Autism. "Abbiamo scoperto che le donne in gravidanza trattate con vitamina D 'attiva', in un periodo della gravidanza che è l'equivalente del primo trimestre di gravidanza umana, avevano prole che non sviluppava questi deficit".

Gli studiosi hanno vagliato il comportamento della prole, eseguito test del labirinto e analizzato le interazioni sociali, i condizionamenti fobici, il comportamento ansioso, la socialità e i comportamenti stereotipati, oltre all'apprendimento emotivo e la memoria. Quando si forniva vitamina D in forma ormonale durante la gravidanza, la prole non mostrava alcun segno comportamentale collegato ai disordini dello spettro autistico. "Sembra che la somministrazione materna della vitamina D impedisca il presentarsi di anomalie comportamentali di tipo autistico" hanno scritto i ricercatori.

 

Gli studi sull'uomo

Naturalmente, il tentativo di replicare i risultati ottenuti negli esseri umani è notevolmente più complesso. Soprattutto perché la forma ormonale della vitamina D attiva non può essere somministrato a donne in stato di gravidanza, perché potrebbe mettere a rischio lo sviluppo scheletrico del feto. Tuttavia, gli scienziati suggeriscono che il colecalciferolo - una forma di supplemento di vitamina D sicura per le donne incinte - potrebbe avere effetti preventivi molto efficaci.

copertina   agosto-settembre 2017

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

BANNERABBONATI

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.