Sapere Scienza

Sapere Scienza

Lo smog danneggia il DNA dei giovani

23 Maggio 2017

Bambini e adolescenti esposti a elevati livelli di inquinamento atmosferico correlati al traffico hanno telomeri più corti, un tipo specifico di danno del DNA. A rivelarlo, uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Occupational and Environmental Medicine. I giovani con asma, inoltre, hanno evidenziato anch'essi un accorciamento dei telomeri, secondo la ricerca condotta da John Balmes e colleghi della University of California di Berkeley: "i nostri risultati suggeriscono che la lunghezza dei telomeri potrebbe potenzialmente essere usata come biomarcatore per il danneggiamento del DNA dovuto a esposizione ambientale o a infiammazione cronica".

 

Gli idrocarburi policiclici aromatici

 

Lo studio ha coinvolto 14 bambini e adolescenti che vivono a Fresno, California - la seconda città più inquinata degli Stati Uniti. I ricercatori hanno valutato la relazione tra idrocarburi policiclici aromatici (PAH), un inquinante onnipresente dell'aria causato dagli scarichi dei veicoli a motore, e l'accorciamento dei telomeri, danno al DNA tipicamente associato all'invecchiamento. L'aumento dell'esposizione ai PAH causava una diminuzione dei telomeri, con proporzione lineare.

 

Lo stress ossidativo

I risultati di questa ricerca si aggiungono a precedenti studi che dimostrano che l'inquinamento atmosferico provoca stress ossidativo che può danneggiare i lipidi, le proteine ​​e il DNA. La ricerca suggerisce inoltre che i bambini possono subire un diverso accorciamento dei telomeri, rispetto agli adulti, il che potrebbe renderli più vulnerabili agli effetti dannosi dell'inquinamento atmosferico.

copertina   maggio-giugno 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.