Sapere Scienza

Sapere Scienza

Scoperto nuovo modo per bloccare il parassita della malaria

24 Luglio 2014

Il parassita della malaria è uno degli organismi patogeni più letali al mondo. Si stima che i 207 milioni di casi di malaria che si sono verificati in tutto il mondo nel 2012 abbiano provocato 627 mila morti.
Quando il parassita della malaria invade un globulo rosso, usa la membrana della cellula ospite per costruire una sorta di "compartimento" protettivo in cui si stabilisce. In seguito, il microrganismo trasforma il globulo rosso in un luogo adatto a farlo crescere correttamente e nutrirsi.

 

Nel nuovo studio, gli scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno scoperto che le proteine ​​responsabili di questi processi hanno la necessità di usare un singolo passaggio cellulare che, se distrutto, potrebbe impedire al parassita di crescere. In particolare, i ricercatori hanno esaminato la proteina HSP101: gli scienziati hanno disattivato questa proteina in alcune colture cellulari, scoprendo che questa operazione era in grado di interrompere la secrezione di tutte le proteine ​​malariche. "Pensiamo di aver raggiunto un obiettivo molto promettente per lo sviluppo di farmaci contro questa malattia" ha commentato Daniel Goldberg, tra gli autori della ricerca pubblicata su Nature.

9788822094513   settembre-ottobre 2021

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

grandivoci 3 col

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.