Sapere Scienza

Sapere Scienza

Staminali umane trattano sclerosi multipla nei topi

15 Maggio 2014


Un gruppo di scienziati dell'Università dello Utah e dell'Università della California di Irvine ha impiantato cellule staminali umane nel midollo spinale danneggiato di alcuni topolini paralizzati che soffrivano di un modello murino di sclerosi multipla umana, facendo loro riguadagnare la capacità di camminare. Inoltre, i topi hanno mantenuto questa abilità anche dopo il rigetto delle cellule staminali umane, che avviene solitamente una settimana dopo l'impianto. Il recupero è stato molto rapido: i topi hanno ricominciato a muoversi nel giro di due settimane e si sono completamente ripresi nel giro di qualche mese. Lo studio, che potrebbe portare a nuovi trattamenti della sclerosi multipla, malattia autoimmune di cui soffrono oltre due milioni di persone nel mondo, è stato pubblicato sulla rivista Stem Cell Reports.

I ricercatori hanno somministrato staminali ai topi per studiare la reazione di rigetto. Un esperimento che doveva essere di routine ha invece dato risultati spettacolari al primo tentativo. Entro un periodo estremamente breve di tempo - dieci/quattordici giorni - i topi avevano recuperato le capacità motorie. L'impianto di staminali umane aveva innescato la creazione di globuli bianchi noti come 'cellule T regolatrici' che sono responsabili della cessazione della risposta autoimmune alla fine dell'infiammazione. Inoltre, le cellule rilasciavano proteine che ri-mielinizzavano le cellule nervose che avevano perso la fibra mielinica isolante necessaria alla trasmissione degli impulsi nervosi.

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.