Sapere Scienza

Sapere Scienza

Ecco cosa succede nel cervello della madre quando il neonato piange

25 Ottobre 2017

Un gruppo di ricercatori americani ha svelato le basi neurologiche della risposta materna al pianto di un bambino.
La reale entità dell'istinto che porta chi accudisce un bambino a prendersi cura di lui in risposta al suo pianto è stata finora un mistero, per gli scienziati. L'essere umano sembra biologicamente programmato per reagire in un certo modo al pianto del bimbo. Diane Putnick, Marc Bornstein e colleghi dei National Institutes of Health di Bethesda, hanno investigato questo meccanismo osservando il comportamento di 684 madri con bambini di età di circa 5 mesi provenienti da 11 nazioni.

I ricercatori hanno scoperto che le madri rispondevano istintivamente al pianto andando a prendere il bimbo, stringendolo e parlandoci, indipendentemente dal paese di origine. Secondo gli scienziati, le grida del neonato genererebbero lo stesso tipo di risposta nel cervello della madre, a prescindere dalla sua appartenenza culturale. Attraverso esperimenti condotti con risonanza magnetica funzionale per immagini sui cervelli di 43 madri negli Stati Uniti (con bambini di circa 3 mesi) e 44 madri cinesi (con bambini di circa 8 mesi), i ricercatori hanno poi scoperto che il pianto del neonato attivava diverse regioni chiave del cervello delle donne, indipendentemente dalla loro etnia.


Tra queste: l'area motoria complementare del cervello associata all'intenzione di muoversi e di parlare, l'area di Broca e le regioni temporali superiori associate alla elaborazione di discorsi e suoni complessi e, infine, le regioni striatali e della parte centrale cerebrale associate all'azione del prendersi cura di qualcuno. Coma si legge sulla rivista PNAS, i risultati suggeriscono una base neurologica e evolutiva alla risposta materna umana alle grida dei neonati.

copertina   agosto-settembre 2017

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

BANNERABBONATI

iscriviti copia

castellani

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.