Sapere Scienza

Sapere Scienza

Ecco i geni legati al disturbo ossessivo-compulsivo

27 Ottobre 2017

I tenaci rituali che caratterizzano il disturbo ossessivo-compulsivo potrebbero finalmente aver trovato una spiegazione genetica. Un gruppo di scienziati ha infatti individuato alcuni geni che potrebbero essere in parte responsabili di questa condizione che riguarda circa il 2 per cento della popolazione mondiale. Una delle prime sorprese è che non si tratta di marcatori biologici che si trovano solo negli uomini, ma anche negli animali, come cani e topi.

 

"Stiamo cercando di approfondire gli studi in altre specie per arrivare a una migliore comprensione del disturbo ossessivo-compulsivo nell'uomo" ha spiegato Hyun Ji Noh dell'Università di Harvard. Mediante studi incrociati su animali, Noh e colleghi sono arrivati a stilare una lista di circa 600 geni associati al disturbo ossessivo-compulsivo che, ricordiamolo, induce le persone a compiere ripetutamente gesti come pulire o controllare la casa, lavarsi le mani, e rispettare altri rituali. Questi geni provocano atti compulsivi anche in altri animali, come i cani.

 

Da questi circa 600 geni, gli scienziati si sono poi portati a 4, dopo aver analizzato 592 persone con disturbo ossessivo-compulsivo e 560 individui sani. Mutazioni nei geni chiamati NRXN1, HTR2A, CTTNBP2, e REEP3 - tutti espressi nel cervello - sono risultati fortemente associati con il disturbo ossessivo-compulsivo negli esseri umani. Queste varianti genetiche possono infatti danneggiare lo sviluppo delle sinapsi e interferire con i percorsi neuronali nel "loop cortico-striatale", una regione del cervello che presiede alla gestione della serotonina e del glutammato. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.

copertina   agosto-settembre 2017

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

BANNERABBONATI

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.