Sapere Scienza

Sapere Scienza

La stimolazione elettrica può indurre il "sogno lucido"

12 Maggio 2014

Il "sogno lucido", una circostanza onirica particolare nella quale il sognatore è consapevole di sognare, potrebbe essere indotta da correnti elettriche (benigne) a una specifica frequenza opportunamente indirizzate alle regioni frontali e temporali del cervello. A rivelarlo, uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Francoforte J.W. Goethe, in Germania, e che è stato pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience. Durante i sogni lucidi, nella fase Rem (rapid-eye-movement), il sognatore può esercitare funzioni cognitive come l'auto-consapevolezza e il libero arbitrio in modo da controllare volontariamente la "trama" del sogno. Precedenti ricerche hanno associato il sogno lucido a un aumento di attività delle onde gamma nelle regioni frontali e temporali del cervello, anche se l'esatta natura di questo fenomeno era sconosciuta. Ora, gli scienziati hanno agito mediante Tacs (transcranial alternating current stimulation) nelle posizioni frontale e temporale dello scalpo di 27 volontari che non avevano avuto nessuna esperienza di sogni lucidi. Pochi secondi dopo la stimolazione, i soggetti sono stati svegliati e hanno descritto le caratteristiche del sogno che stavano vivendo. I risultati hanno mostrato che una stimolazione nella banda di frequenza di gamma inferiore a 40 Hz non solo aumentava l'attività delle onde gamma riusciva a indurre un sogno lucido, ma incrementava anche il controllo su di esso da parte del sognatore. 

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.