Sapere Scienza

Sapere Scienza

Le scimmie non sono sensibili a marche costose

3 Dicembre 2014

La seduzione del marchio non riguarda le scimmie. A differenza degli esseri umani, infatti, sembra che le scimmie cappuccine non preferiscano qualcosa solo perché costa di più. Lo studio pubblicato su Frontiers in Psychology proviene da un gruppo di ricercatori dell'Università di Yale che ha valutato se le scimmie presentino una tendenza umana comune ossia quella di confondere il prezzo di un bene con la sua qualità. Precedenti studi hanno dimostrato che gli esseri umani ritengono, per esempio, che un vino etichettato con un prezzo costoso abbia un sapore migliore rispetto allo stesso vino servito con prezzo più conveniente. In altri studi, poi, un antidolorifico sembrava funzionare meglio quando il paziente lo pagava di più. Laurie Santos e colleghi hanno dunque pianificato una serie di quattro esperimenti per verificare se le scimmie cappuccine (Cebus apella) preferivano, a parità di oggetti, quelli più costosi. Gli animali erano stati in precedenza addestrati a comprendere e riconoscere le differenze di prezzo tra vari prodotti alimentari. Quando i ricercatori hanno testato se le scimmie cappuccine gradivano maggiormente il gusto dei prodotti più costosi, sono stati sorpresi di scoprire che questo non accadeva. Le scimmie non cascavano nell'illusione del brand.

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.