Sapere Scienza

Sapere Scienza

Trovati 40 nuovi geni legati all'intelligenza

25 Maggio 2017

Gli scienziati hanno scoperto 40 nuovi geni che sembrano essere legati all'intelligenza. La ricerca potrebbe aiutare i neurologi a capire come il cervello umano sviluppa funzioni chiave associate al pensiero.

Mentre l'influenza di questi geni sull'intelligenza potrebbe essere di relativa importanza - conosciamo un'ampia varietà di fattori che contribuiscono al nostro QI e all'intelligenza generale - la scoperta potrebbe un giorno permettere ai ricercatori di esaminare meglio il complicato quesito dell'incidenza della natura o dell'ambiente sul nostro sviluppo mentale, quando si tratta di individuare le cause fondamentali che stanno dietro il nostro intelletto.

 

L'importanza del gene FOXO3

Danielle Posthuma e colleghi del Vanderbilt University University Medical Center di Amsterdam, nei Paesi Bassi, hanno combinato i dati genomici di quasi 80.000 adulti non collegati e di bambini di origine europea: il gruppo ha individuato mutazioni su 52 geni correlati ai punteggi nei test di intelligenza. Quaranta tra questi geni non erano mai stato legati, in precedenza, all'intelligenza.

Una delle più forti correlazioni tra geni e intelligenza si è riscontrata nelle mutazioni trovate a carico di un gene chiamato FOXO3: questo gene fa parte di un processo che innesca la morte cellulare in seguito a determinate sollecitazioni chimiche. È interessante notare che il team ha anche trovato una serie di altre relazioni tra questi geni e altre funzioni legate a massa corporea, schizofrenia e alla malattia di Alzheimer.

Gli scienziati sono convinti che sapere di più sul rapporto tra le nostre caratteristiche cognitive e i nostri geni potrebbe aiutarci a comprendere meglio l'evoluzione della nostra intelligenza e la direzione verso cui è diretta.
La ricerca è stata pubblicata  sulla rivista Nature Genetics.

copertina   luglio-agosto 2018

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.