Sapere Scienza

Sapere Scienza

I primati rischiano l'estinzione entro 50 anni?

19 Gennaio 2017

I primati rischiano di estinguersi entro i prossimi 50 anni. E' questo l'allarme lanciato dalle pagine della rivista Science. I primatologi ritengono che, se le attuali pressioni di origina antropica su questa specie non si attenueranno, nel giro di 25-50 anni potremmo assistere a una estinzione di massa.

 

Il rischio estinzione

Lo studio dei primati offre indicazioni uniche per la comprensione dell'evoluzione, della biologia e del comportamento umano. Inoltre, è fondamentale per contribuire alla rigenerazione delle foreste, alla biodiversità tropicale e alla salute dell'ecosistema. Alejandro Estrada e colleghi della Universidad Nacional Autonoma de Mexico hanno passato in rassegna numerose analisi della IUCN Red List e dei database delle Nazioni Unite circa lo stato, le minacce e gli sforzi messi in campo in tutto il mondo per proteggere oltre 500 specie di primati. La stima degli scienziati è che il 60 per cento di queste specie sono minacciate di estinzione dalle attività umane, mentre il 75 per cento rischia un serio declino nella sua popolazione.

 
Le minacce per i primati

La valutazione complessiva esplora il modo in cui attività umane non sostenibili stanno attualmente accelerando l'estinzione dei primati: la principale minaccia globale per gli habitat dei primati è l'espansione dell'agricoltura, seguita dalla raccolta del legname e dall'allevamento del bestiame. Anche la caccia e la cattura sono minacce dirette per le specie. Infine, anche inquinamento e cambiamenti climatici possono accelerare i tassi di estinzione. Nello studio si sottolinea la necessità di considerare la conservazione dei primati come una sfida immediata "sebbene scoraggiante" e trovare nuove proposte per sforzi comuni che possano efficaci più delle misure messe in atto negli anni recenti.

copertina   agosto-settembre 2017

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

BANNERABBONATI

iscriviti copia

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.