Sapere Scienza

Sapere Scienza

Quattro specie animali che stanno recuperando dal rischio estinzione

18 Marzo 2016

Il rovescio della medaglia del fenomeno dell'estinzione delle specie animali è la ripresa di alcune comunità che si stabilizzano e, in alcuni casi, tornano a crescere. Le specie che seguono, per esempio, stanno facendo lentamente ritorno dal baratro della quasi estinzione.

 

 

 

 

1) Rinoceronte indiano. Nel 1975, si contavano solo 600 esemplari nel suo habitat, la parte settentrionale del sub-continente indiano. Nel 2012, il numero è risultato essere cresciuto di 3000 unità. In Nepal, tuttavia, si stima la presenza di soli 645 rinoceronti e la minaccia maggiore è rappresentata dai bracconieri.

 

2) Grizzly. Negli anni Settanta, il numero di grizzly nel Greater Yellowston Ecosystem era arrivato a soli 700 esemplari. Attualmente il loro numero è più che raddoppiato, e questo è stato salutato come un successo storico.

 

3) Tigre. A causa della perdita del loro habitat e dei bracconieri, la popolazione di tigri selvatiche era passata negli anni scorsi da 100 mila esemplari a circa 3.000. Le tigri erano native in 23 paesi in Asia e sono arrivate a essere presenti in solo 11, scomparendo completamente negli anni recenti dalla Cambogia e dal Vietnam. Un recente censimento ha mostrato una ripresa della loro popolazione in India, passando da 1411 esemplari nel 2007 a 2226 nel 2015, soprattutto nelle aree protette.

 

4) Orangutan. Dopo 10 anni di lavoro nel Parco Nazionale Sebangau in Indonesia, il WWF ha annunciato nel novembre 2015 che il numero di orangutan nella riserva - che ospita la più grande popolazione di orangutan selvaggi nel mondo - era salito del 7 per cento dal 2007, con 5.826 esemplari recentemente contati.

 

Per saperne di più: 

- Tutelare la biodiversità

Tag:

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.