Sapere Scienza

Sapere Scienza

Scienziati italiani scoprono 27 nuove specie di vertebrati

29 Settembre 2014

Un team internazionale coordinato da un gruppo di scienziati italiani del MUSE - Museo delle Scienze di Trento - ha scoperto 27 nuove specie di vertebrati nell'arco delle montagne orientali di Tanzania e Kenya, zona candidata a diventare Patrimonio Unesco dell'Umanità.

La ricerca, coordinata dagli scienziati della Sezione di Biodiversità Tropicale del MUSE - Museo delle Scienze di Trento - guidati da Francesco Rovero, è stata pubblicata sulla rivista Diversity and Distributions. Lo studio sintetizza i risultati dell'ultimo decennio di ricerche sulla biodiversità nella zona: sono state scoperte 27 specie del tutto nuove di vertebrati (23 di anfibi e rettili) e 14 specie non precedentemente note in questa regione. L'arco delle montagne orientali comprende tredici blocchi che si estendono dal sud del Kenya al centro-sud della Tanzania. "Ora possiamo classificare i blocchi dell'arco orientale secondo la loro importanza biologica e comprendere le forze che hanno dato origine a questi straordinari modelli di ricchezza biologica", ha commentato Rovero.

 

[in foto: Una delle 20 nuove specie di anfibi riportate dallo studio: Callulina meteora, è un piccolo rospo scoperto nei monti Nguru e descritto nel 2011; vive in una ristrettissima area di foresta, a circa 2000 m di quota ed è considerata a grave rischio di estinzione. Immagine di Michele Menegon]

Tag:

copertina   marzo-aprile 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

petrocelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.