Sapere Scienza

Sapere Scienza

Come si misura la felicità?

13 Dicembre 2017

La felicità è una delle emozioni più desiderate e sfuggenti: indefinita, soggettiva, intima, sicuramente difficile da descrivere per chiunque. Invece sembra che esista un modo per misurarla. Avete mai sentito parlare del World Happiness Report?

 

Una relazione annuale e le variabili in gioco

 

Il Rapporto Mondiale sulla Felicità - World Happiness Report - del 2017 è stato redatto dal Sustainable Development Solution Network, con il patrocinio delle Nazioni Unite, ed è una classifica di ben centocinquantacinque Paesi in base al loro livello di felicità. Quali sono i fattori che determinano se una nazione è, più o meno, felice? Le variabili utilizzate nel documento sono:

  • il PIL, Prodotto Interno Lordo pro capite, corretto in base al potere d’acquisto;
  • l’aspettativa di una vita sana;
  • le relazioni sociali positive (la domanda a cui ha risposto il campione preso in considerazione è stata “Se dovessi avere dei problemi, hai parenti o amici su cui puoi contare nel momento del bisogno o no?”);
  • la libertà di vivere il tipo di esistenza che riteniamo giusta per noi;
  • la generosità;
  • la percezione della corruzione;
  • le emozioni positive legate all’esperienza di tutti i giorni;
  • le emozioni negative legate all’esperienza di tutti i giorni.

Questi indicatori sono collegati all’organizzazione statale e ai valori culturali di ciascun territorio. Prima di scoprire in quale posizione si trova l’Italia – per chi di voi già non la conoscesse – capiamo come anche nel nostro Stato si stia cercando di sviluppare una definizione condivisa del progresso e del benessere della società, che vada al di là del PIL.

 

banner articoli sapere

 

Una lente d’ingrandimento sull’Italia

 

L’ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica) e il CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) presentano dal 2010 il Rapporto sul Benessere Equo e Sostenibile, BES, che si basa su dodici dimensioni del benessere:

  • salute;
  • istruzione e formazione;
  • lavoro e conciliazione tempi di vita;
  • benessere economico;
  • relazioni sociai;
  • politica e istituzioni;
  • sicurezza;
  • benessere soggettivo;
  • paesaggio e patrimonio culturale;
  • ambiente;
  • ricerca e innovazione;
  • qualità dei servizi.

Alla fine a cosa servono tutti questi numeri, a livello globale o nazionale? Gli indicatori statistici rivestono il ruolo di strumenti per orientare i processi decisionali, in base ai risultati ottenuti e analizzati attraverso la misurazione, il monitoraggio e l’interpretazione di grandezze complesse che inquadrino il progresso sociale ed economico.
Per scoprire i risultati del BES 2016, potete consultare una presentazione di facile lettura qui.

 

And the winner is...

 

Il paese più felice del mondo è la Norvegia seguito da Danimarca, Islanda, Svizzera, Finlandia, Paesi Bassi; Canada, Nuova Zelanda; Australia e Svezia, solo per citare la "top 10". E l’Italia? È al quarantottesimo posto, riuscendo a guadagnare due posizioni rispetto al rapporto del 2015. Riusciremo a scalare ulteriormente la classifica nei prossimi anni? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

Se non siete sazi di numeri e statistiche vi aspetta l’articolo “Come misurare la felicità” di Vincenzo Palermo sul numero di Sapere di agosto.

copertina   agosto-settembre 2017

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

BANNERABBONATI

iscriviti copia

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.