Sapere Scienza

Sapere Scienza

Premio Turing 2019 assegnato ai padri dell’AI e del deep learning

29 Marzo 2019

Il Premio Turing 2019 è stato assegnato a Yoshua Bengio, Geoffrey Hinton e Yann LeCun per le innovazioni concettuali e ingegneristiche che hanno reso le reti neurali profonde un componente critico per il calcolo. Cosa significa? Di quale tipo di riconoscimento si tratta? Di cosa si occupano i vincitori di quest'anno? Capiamolo insieme.

 

Il "Nobel" dell'informatica

 

Il Premio Turing, per l'esattezza A.M. Turing Award, è assegnato ogni anno, a partire dal 1966, dalla Association for Computing Machinery, agli scienziati il cui contributo nel campo dell'informatica è stato duraturo e particolarmente rilevante sotto il profilo tecnico. Come avrete intuito è dedicato alla memoria di Alan Mathison Turing, il matematico inglese che ha posto le basi matematiche e studiato i limiti dell'uso delle macchine per il calcolo, celebre per il suo ruolo di crittoanalista per il Regno Unito durante il secondo conflitto mondiale. I vincitori di quello che da molti è definito il "Premio Nobel dell'informatica" terranno una lezione durante la premiazione e riceveranno un sostanzioso premio in denaro: un milione di dollari offerti da Google.

 

banner articoli sapere4

 

Le motivazioni della premiazione del 2019

 

Yoshua Bengio, Geoffrey Hinton e Yann LeCun hanno meritato questo riconoscimento perché, lavorando sia in maniera indipendente, sia collaborando, "hanno sviluppato le basi teoriche del loro ambito di ricerca, hanno identificato sorprendenti fenomeni attraverso esperimenti e hanno contribuito ai progressi ingegneristici che hanno dimostrato i vantaggi pratici delle reti neurali profonde". Siamo stati tutti testimoni di come questi studi abbiano modificato le tecnologie, anche quelle più facilmente a nostra disposizione come il riconoscimento vocale, l'elaborazione del linguaggio naturale e la robotica.
A tal proposito Cherri M. Pancake, presidente dell'Association for Computing Machinery, ha dichiarato: "L'intelligenza artificiale è una delle aree che sta crescendo più velocemente tra tutte le scienze e uno dei temi più trattati nella società. La crescita dell'interesse nell'intelligenza artificiale è dovuto, non in piccola parte, ai recenti passi avanti nell'elaborazione del linguaggio naturale e della visione computazionale che non erano possibili appena 10 anni fa. Oltre ai prodotti che usiamo tutti i giorni, i nuovi progressi nel deep learning, hanno fornito agli scienziati nuovi potenti strumenti in aree che spaziano dalla medicina, all'astronomia, alle scienze dei materiali".

 

I vincitori

 

Cerchiamo di conoscere un po' meglio il curriculum dei vincitori. Geoffrey Hinton è vicepresidente e ingegnere di Google, Chief Scientific Adviser presso il The Vector Institute e professore emerito presso l'Università di Toronto. Laureato in psicologia sperimentale alla Cambridge University e dottore di ricerca in intelligenza artificiale, è stato il fondatore del programma Neural Computation and Adaptive Perception (poi divenuto Learning in Machines and Brains) del CIFAR-Canadian Institute for Advanced Research. Del CIFAR fa parte anche Yoshua Bengio, per cui è co-direttore - insieme a Yann LeCun - del programma Learning in Machines and Brains. Professore dell'Università di Montreal e direttore scientifico del Mila (istituto di intelligenza artificiale del Quebec) e dell'IVADO (Institute for Data Valorization-Istituto per la valorizzazione dei dati), ha una laurea in ingegneria elettrica e in computer science e un dottorato sempre in computer science. Infine Yann LeCun è professore del Courant Institute of Mathematical Sciences della New York University, vicepresidente e Chief AI Scientist di Facebook. Si è laureato in ingegneria presso Ecole Superieure d'Ingénieur en Electrotechnique et Electronique (Parigi) e ha preso il dottorato in computer science presso la Université Pierre et Marie Curie.
Le carriere di questi tre straordinari scienziati sono costellate di premi e onorificenze e, per quanto riguarda il Premio Turing, tra gli studi che hanno permesso loro di distinguersi e raggiungere questo traguardo, possiamo citare l'invenzione delle macchine di Boltzmann, tra le primissime reti neurali, la combinazione dei modelli probabilistici di sequenze con le reti neurali e l'ampiamento della visione delle reti neurali stesse.

 

Ricollegandoci al lavoro di Turing, a proposito di crittografia, vi consigliamo di acquistare e leggere l'articolo di Massimo Bertaccini, "La crittografia della Blockchain", pubblicato sul numero di Sapere di questo bimestre.

copertina   luglio-agosto 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.