Sapere Scienza

Sapere Scienza

Addio Rosetta: oggi la sonda termina la sua missione

30 Settembre 2016

Alle 12.40 (ora italiana) inizierà l'atto finale della missione Rosetta dell'ESA: una manovra che porterà la sonda, che orbita intorno alla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, a schiacciarsi sulla cometa. A novembre di due anni fa, Rosetta aveva guadagnato un primato storico, diventando il primo mezzo costruito dall'uomo a realizzare l'accometaggio, con il lander Philae che si era posato sulla cometa. La 67P/Churyumov-Gerasimenko è stata inseguita per 10 anni attraverso il Sistema Solare. Ora, la sonda si trova in orbita a un'altezza di circa 20 chilometri, in una posizione che favorirà il contatto con la cometa, a cui il mezzo non sopravviverà. L'area di arrivo dovrebbe essere una cavità chiamata Ma'at, da cui fuoriescono polveri e gas e che è particolarmente attiva.

 

A partire dalle 23.30 del 29 settembre, la sonda ha cominciato a scendere verso la cometa con la velocità di circa 30 centimetri al secondo (un chilometro orario) accelerando fino a 90 centimetri al secondo per la gravità del corpo celeste. A circa 15 secondi dall'impatto scatterà alcune foto ravvicinate della superficie della cometa e poi gli strumenti di bordo si spegneranno, dando l'addio definitivo a questa memorabile missione.

 

A luglio 2015 erano invece terminate le comunicazioni del lander Philae che, fino ad allora, aveva trasmesso verso la Terra importantissimi dati circa la struttura della cometa. Di recente, il lander è stato ritrovato in una oscura fessura della cometa in cui è probabilmente ancora incastrato. Philae è atterrato sulla cometa il 12 novembre 2014.

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.