Sapere Scienza

Sapere Scienza

Il 28 settembre arriva la "Superluna di sangue"

23 Settembre 2015

Per la prima volta, dopo 33 anni, una Superluna si combinerà con un'eclisse lunare, facendo apparire la Luna colorata di rosso e leggermente più grande. Accadrà lunedì 28 settembre, precisamente alle 2.11 ora italiana.

In quel momento, infatti, La Terra si frapporrà tra il nostro satellite e il Sole e la Luna: quest'ultima entrerà poi nel cono d'ombra della Terra alle 3.07 e vivrà per 72 minuti la totalità della eclissi, tra le 4.11 e le 5.23 del mattino, regalando agli eroici osservatori uno spettacolo eccezionale. Quest'anno, l'eclissi si verificherà in coincidenza del perigeo, ossia il punto di minima distanza tra Terra e Luna, che toccherà infatti i 356876 chilometri. Questa vicinanza farà apparire la Luna del 14 per cento più grande e del 30 per cento più luminosa: una coincidenza affascinante che ha già fatto ribattezzato il fenomeno come Eclissi di Superluna o Superluna di sangue. C'è infatti da ricordare che durante le eclissi la Luna non viene totalmente oscurata ma, appunto, la deviazione della luce solare da parte dell'atmosfera terrestre fa sì che assuma una colorazione rossastra, da cui l'espressione Luna di sangue
L'ultima volta che dall'Italia abbiamo potuto assistere a una eclissi totale era il 15 giugno 2011 e la prossima sarà tra tre anni, il 27 luglio 2018. La concomitanza di Superluna e eclissi si è verificata invece l'ultima volta nel 1982 e non si ripeterà di nuovo fino al 2033.

copertina   gennaio-febbraio 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

petrocelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.