Sapere Scienza

Sapere Scienza

Il ritorno di AstroSamantha

10 Giugno 2015

Domani, Samantha Cristoforetti farà ritorno sulla Terra dopo una missione sulla Stazione Spaziale Internazionale durata duecento giorni. Un record come donna (e come italiana) di permanenza nello spazio. La Expedition 42, composta appunto da Samantha Cristoforetti e dagli astronauti Anton Schkaplerow e Terry Virts, si darà il cambio con la Expeditions 43, composta da Gennadij Padalka, Michail Kornijenko e Scott Kelly. 

Se tutto andrà come pianificato, AstroSamantha rientrerà quando in Italia saranno le 15:43 (le 19:43 kazake): era partita il 23 novembre del 2014 a bordo della Soyuz TMA-15M. L'atterraggio è previsto nella steppa kazaka nei pressi della città di Dzhezkazgan, a sud di Karaganda. L'avvicendamento con il nuovo equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) si sarebbe dovuto avere il 14 maggio, ma era stato ritardato da problemi tecnici a carico della navicella cargo russa di rifornimento Progress e del lanciatore Soyuz

Samantha Cristoforetti ritorna a casa con un record personale al suo attivo: dallo scorso 6 giugno è infatti l’astronauta donna che ha trascorso consecutivamente più giorni nello spazio nel corso di una sola missione. Il primato in precedenza apparteneva a Sunita Williams (195 giorni di missione durante l’Expedition 33) a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Rientrando domani, la Cristoforetti allungherà ulteriormente il suo periodo di permanenza arrivando a 199 giorni (e aumentando il distacco anche rispetto a Paolo Nespoli, che aveva il record di permanenza tra gli italiani finora: 174 giorni, in due missioni separate).

Per l'Europa, il record di tempo consecutivo nello spazio per un astronauta appartiene invece ad André Kuipers (206 giorni). Il record internazionale femminile di durata complessiva nello spazio resterà invece saldamente in mano a Peggy Whitson (376 giorni). L'europeo che ha trascorso complessivamente più giorni nello spazio è invece Thomas Reiter (350 giorni), mentre il cosmonauta che, cumulativamente, ha il record assoluto di permanenza è Sergei Krikalyov, con 803 giorni.

Oltre agli esperimenti scientifici condotti in questi mesi, la Cristoforetti ha svolto anche un'intensa attività di divulgazione, producendo oltre 2600 foto e video diffusi sui social. Al suo ritorno, l'attende un periodo di quarantena e di riabilitazione durante il quale si dovrà riabituare alla forza di gravità.

copertina sapere 5 2020   settembre-ottobre 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.