Sapere Scienza

Sapere Scienza

L'amosfera di Marte ha improvvisi "picchi" di metano

22 Dicembre 2014

Nuovi risultati provenienti dal rover Curiosity suggeriscono che, nel cratere Gale, i livelli medi di metano dell'atmosfera sono inferiori rispetto alle previsioni dei modelli ma si impennano di frequente, il che implica che esiste una sorgente di questo gas nelle vicinanze che è attualmente sconosciuta. Sulla Terra, la maggior parte del metano ha un'origine biologica. Christopher Webster e colleghi del NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, a quanto si legge in uno studio pubblicato su Science, hanno analizzato i dati raccolti da Curiosity per 20 mesi scoprendo che i livelli di metano atmosferico in corrispondenza del cratere Gale, dove è atterrato il rover, sono meno della metà di quanto previsto. I modelli presi in considerazione prevedevano che il metano fosse prodotto dagli effetti della luce su polvere e materiali organici portati su Marte dei meteoriti: gli scienziati hanno anche scoperto che i livelli di metano salgono improvvisamente fino a 10 volte il valore previsionale, e nel giro di 60 giorni. Il metano potrebbe allora essere occasionalmente prodotto o scaricato nei pressi del cratere Gale e disperdersi poi rapidamente.

copertina sapere 5 2020   settembre-ottobre 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.