Sapere Scienza

Sapere Scienza

Le onde gravitazionali "colpiscono" ancora

15 Giugno 2016

Le collaborazioni VIRGO e LIGO hanno registrato altre onde gravitazionali provenienti da una coppia di buchi neri in collisione tra loro. L'evento captato segue quello, storico, annunciato a febbraio che rappresentò la prima rilevazione diretta assoluta di onde gravitazionali.

Come nel caso di qualche mese fa, il segnale è stato raccolto dai due interferometri gemelli della collaborazione LIGO (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory), che si trovano a Livingston, Louisiana, e ad Hanford, Washington. Il paper della scoperta è stato accettato per la pubblicazione sulla rivista Physical Review Letters e porta la firma della collaborazione LIGO e di quella VIRGO, che ha usato i dati provenienti dagli strumenti di LIGO.

 

Le onde gravitazionali prodotte in questo evento sono state generate nei momenti conclusivi della fusione tra due buchi neri, rispettivamente di 14 e 8 volte la massa del Sole, avvenuta circa 1,4 miliardi di anni fa e che ha prodotto un buco nero con massa pari a 21 volte quella del Sole. Una quantità di energia equivalente alla massa mancante è stata, appunto, convertita in onde gravitazionali; in particolare, il segnale captato è stato quello relativo agli ultimi 27 'giri' che i buchi neri hanno fatto, l'uno intorno all'altro, prima della fusione. Il segnale è stato determinato prima dal rilevatore di Livingston e, un millisecondo dopo, da quello di Hanford - la differenza nel tempo di arrivo può aiutare ad avere un'idea della posizione della sorgente del fenomeno.

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.