Sapere Scienza

Sapere Scienza

Plutone emette raggi X?

19 Settembre 2016

Plutone, il mondo ghiacciato che si trova a circa 6 miliardi di chilometri dal Sole, sembra emettere raggi X ad alta energia associati a gas caldi milioni di gradi. Questa scoperta, se confermata, renderebbe Plutone la più lontana sorgente di raggi X del nostro Sistema Solare e potrebbe migliorare la nostra conoscenza dell'atmosfera del pianeta nano.

 

Come si legge sulla rivista Icarus, tra febbraio 2014 e agosto 2015, il telescopio Chandra X-Ray, puntato verso Plutone, ha permesso a un gruppo di scienziati dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics di rilevare in quattro occasioni separate sette distinte emissioni di raggi X. Ma qual è la sorgente di questi raggi? Secondo i ricercatori, la spiegazione più probabile è che le particelle ad alta energia del vento solare vadano a scontrarsi con "pezzi" di atmosfera di Plutone (composta soprattutto da azoto, carbonio e ossigeno) che si stanno allontanando dal pianeta nano: la collisione strappa elettroni a questi elementi, e produce i raggi X. Sarebbe una scoperta importante soprattutto perché mostrerebbe che Plutone sta lentamente disperdendo la sua atmosfera nello spazio.

 

Finora, era Saturno il più noto corpo celeste del Sistema Solare a emettere raggi X rilevabili. Se fosse confermato che Plutone emette bagliori di raggi X ad alta energia, allora anche altri oggetti più lontani, nella fascia di Kuiper, potrebbero emettere queste radiazioni, e questi gelidi corpi potrebbero concorrere a formare quel ronzio di fondo di raggi X che attualmente si registra nell'Universo.

 

[Immagine: credit Raggi X: NASA/CXC/JHUAPL/R.McNutt et al; Ottica: NASA/JHUAPL]

9788822094513   settembre-ottobre 2021

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

grandivoci 3 col

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.