Sapere Scienza

Sapere Scienza

Prove di vita aliena sulla cometa di Rosetta?

7 Luglio 2015

Le prove di "vita aliena" sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko per alcuni scienziati potrebbero essere "inequivocabili". Rosetta, la sonda europea in orbita intorno alla cometa, ha infatti raccolto materiale organico che somiglia a una sorta di mucchietto di particelle virali e il lander Philae, che si trova sulla cometa dalla fine dello scorso anno, ha permesso di scoprire alcune caratteristiche del corpo celeste, come una crosta superficiale nera, che sembrano attestare la presenza di organismi viventi sotto la sua superficie ghiacciata. Tuttavia, né Rosetta né Philae sono specificamente attrezzati per la ricerca di prove dirette di vita.

Le comete, secondo alcuni, potrebbero aver contribuito a gettare i semi della vita sulla Terra e, probabilmente, anche su altri pianeti (come Marte) all'alba del sistema solare. Le simulazioni al computer riguardanti la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko hanno suggerito che alcune specie di microbi potrebbero abitare le sue regioni acquose. "I dati provenienti dalla cometa, a mio avviso, mostrano inequivocabilmente che alcuni microrganismi potrebbero essere coinvolti nella formazione delle strutture ghiacciate, nel fatto che ci sono molti idrocarburi aromatici e nel colore molto scuro della sua superficie" ha spiegato Chandra Wickramasinghe, coinvolto nella pianificazione della missione "si tratta di elementi non facilmente spiegabili in termini di chimica pre-biotica". Un altro ritrovamento interessante riguarda poi la scoperta, da parte di Rosetta, di cluster di particelle nel gas che circonda la cometa, e che somigliano fortemente alle particelle virali che si trovano nell'atmosfera superiore della Terra.

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.