Sapere Scienza

Sapere Scienza

Rosetta: abbiamo perso il Philae (per ora)

17 Novembre 2014

All'1:36 di sabato 15 novembre, il lander Philae, che resiste tenacemente sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, è entrato in ibernazione. Scaricata la batteria e senza energia dai pannelli solari, il lander è infatti entrato in uno stato di sospensione che dovrebbe concludersi l'estate prossima, probabilmente in agosto, grazie all'aiuto del Sole. Prima di entrare in letargo, l’indomito Philae è comunque riuscito ad attivare tutta la sua strumentazione, incluso il trapano made in Italy (chiamato SD2), progettato dal Politecnico di Milano e costruito dalla Selex Es. "I dati che stanno arrivando - ha spiegato Roberto Battiston, presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana - indicano che tutti gli strumenti hanno funzionato. Siamo in attesa di sapere se il trapano ha toccato Terra: il fatto che si sia esteso correttamente e ritratto, è comunque la dimostrazione di come la tecnologia italiana sia di ottimo livello". Se Philae dormirà per un po', così non sarà per gli scienziati responsabili della missione Rosetta dell'ESA e del lander stesso, ossia le agenzie spaziali di Italia (ASI), Francia (CNES) e Germania (DLR), a cui nei prossimi giorni spetterà analizzare i dati telemetrici inviati dal robottino.

 

[in foto: autoscatto di Philae, che mostra la superficie della cometa. Credit: ESA/Rosetta/Philae/CIVA]

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.