Sapere Scienza

Sapere Scienza

Trovate per la prima volta molecole chirali nello spazio interstellare

17 Giugno 2016

Per la prima volta in assoluto, gli scienziati hanno individuato una complessa molecola organica nello spazio interstellare e la scoperta potrebbe farci capire come la vita biologica è arrivata sulla Terra. La molecola in questione è l'ossido di propilene, molecola chirale, che è stata trovata nel gas freddo che circonda le nubi protostellari nella regione di formazione stellare Sagittarius B2, a circa 390 anni luce dal centro della Via Lattea. Sagittarius B2 ha una massa pari a circa 3 milioni di volte quella del Sole; prima d'ora, non erano mai state rinvenute molecole dotate di chiralità al di fuori del nostro Sistema Solare. La chiralità è una proprietà geometrica di alcune particolari molecole che, a parità di composizione chimica, sono dotate di due strutture tridimensionali tra loro speculari.

 

Sulla Terra, nel corso dell'evoluzione della vita, si è presentato il fenomeno della omochiralità: certe molecole hanno cioè sviluppato in qualche modo una preferenza per una delle loro due forme chirali, e questo è accaduto per molte molecole coinvolte nello sviluppo della vita, come le proteine, gli enzimi, gli zuccheri. Sebbene sia stato dimostrato che l’omochiralità è evolutivamente vantaggiosa, il meccanismo attraverso il quale si seleziona una configurazione rispetto a un'altra rimane incerto.

La scoperta di molecole chirali su Sagittarius B2 potrebbe aiutare a spiegare questo fenomeno della omochiralità, che alcuni ritengono essere essenzialmente legato proprio alla comparsa stessa della vita.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, è opera di ricercatori che operano con il Green Bank Telescope (GBT) in West Virginia in collaborazione con i colleghi del telescopio CSIRO in Australia.

 

[Immagine: credit Credit: B. Saxton, NRAO/AUI/NSF]

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.