Sapere Scienza

Sapere Scienza

NEWS - Spazio & Tempo

I buchi neri supermassicci potrebbero essere più pesanti di quanto si è finora ritenuto. Sono queste alcune delle conclusioni a cui si giunge grazie a un nuovo sistema di misura delle distanze cosmiche basato sui buchi neri. Il nuovo metodo potrebbe migliorarne notevolmente la precisione di queste misure cosmiche portando anche a una stima più accurata dell'età dell'Universo. 

Alle 22, ora italiana, del 23 novembre Samantha Cristoforetti è partita dal cosmodromo di Baikonur (Kazakistan) alla volta della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). A dare un passaggio per lo spazio alla prima astronauta italiana è stata la navetta Soyuz, che ha portato in orbita senza alcun problema l'equipaggio della Expedition 42.

Da 80 anni, i fisici cercano di dimostrare, senza successo, che la materia oscura è costituita da particelle esotiche. Ora, un gruppo di ricercatori in Ohio suggerisce che questa potrebbe essere formata da qualcosa di molto più ordinario, con una massa compresa tra una palla da tennis e un pianeta nano e una densità uguale a quella di una stella di neutroni, secondo una teoria che si concilia bene con il Modello Standard.

Gli scienziati, finora, hanno sempre avuto grandi difficoltà per determinare in che modo l'enorme quantità di energia caratteristica del Sole viene trasportata attraverso la sua atmosfera superiore. Nell'ultimo numero di Science, vengono riportati in cinque articoli i primi risultati relativi a cromosfera e regione di transizione della missione IRIS (Interface Region Imaging Spectrograph) della Nasa, che si sono guadagnati la copertina della rivista. 

Pagina 27 di 30

copertina   settembre-ottobre 2018

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.