Sapere Scienza

Sapere Scienza

I primi cani furono addomesticati in Nepal

20 Ottobre 2015

Un nuovo studio suggerisce che i cani potrebbero essere stati addomesticati in Asia centrale, nei pressi dell'odierna Nepal e Mongolia. Si ritiene che i cani si siano evoluti dai lupi grigi eurasiatici almeno 15mila anni fa ma tempo e luogo preciso dell'addomesticamento del cane erano rimasti finora oggetto di dibattito.

 

La maggior parte dei cani non sono né di razza, né di razza mista ma appartiene a un gruppo geograficamente diffuso e di variegato patrimonio genetico chiamato cani di villaggio. Per ottenere qualche indizio in più circa l'origine e la diffusione dei primi cani, Adam Boyko e colleghi della Cornell University, come si legge sulla rivista PNAS, hanno analizzato più di 185.800 marcatori genetici negli autosomi, i cromosomi Y, e il DNA mitocondriale di oltre 4.600 cani di razza di 165 razze e più di 540 cani di villaggio di 38 Paesi.

 

L'analisi, che ha rivelato la diversità genetica più elevata nei cani di villaggio rispetto ai purosangue, suggerisce che i cani sono stati probabilmente addomesticati in Asia centrale, plausibilmente attorno ai moderni Nepal e Mongolia. Gli autori suggeriscono dunque che i cani domestici possono aver avuto origine in Asia centrale, per poi diffondersi in Asia orientale e oltre. Secondo gli scienziati, l'analisi genetica dei cani del villaggio potrà integrare le analisi dell'antico DNA attualmente in atto al fine di scoprire con sempre maggiore precisione tempi e luoghi dell'addomesticamento e dell'evoluzione del cane.

copertina   luglio-agosto 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.