Sapere Scienza

Sapere Scienza

Il DNA rivela: il gatto domestico viene dall'Egitto

20 Giugno 2017

Le origini del gatto domestico? Nel Vicino Oriente e nell'antico Egitto. Lo rivela un nuovo studio basato su DNA proveniente da alcuni siti archeologici in queste aree. Il gatto è stato addomesticato dai primi agricoltori circa 10 mila anni fa: successivamente, si è diffuso in Europa mediante i commerci egiziani. Inoltre, il DNA rivela che la maggior parte dei gatti dell'antichità era a strisce. Il gatto 'maculato' era poco comune almeno fino al Medio Evo.

 

L'antenato: il gatto selvatico

Attualmente, sono note cinque sottospecie del "Felis silvestris", il gatto selvatico e non c'è praticamente alcuna differenza tra scheletri di gatti antichi e gatti moderni - è per questo che, a occhio nudo, è praticamente impossibile capire quale di queste sottospecie è stata addomesticata in un passato lontano. Claudio Ottoni e i suoi colleghi dell'Università di Leuven hanno esaminato il DNA proveniente da ossa, denti, pelle e peli di oltre 200 resti di gatti, che avevano tra i 100 e i 9 mila anni, ritrovati in siti archeologici nel Vicino Oriente, in Africa ed Europa.

 

La collaborazione uomo-gatto

Le analisi del materiale genetico hanno rivelato che tutti i gatti domestici discendono dal gatto africano selvatico (Felis silvestris lybica), una sottospecie trovata in Nord Africa e Vicino Oriente. I gatti sono stati addomesticati circa 10 mila anni fa dai primi agricoltori nel Vicino Oriente. I primi insediamenti agricoli probabilmente attiravano i gatti selvatici perché erano ricchi di roditori e gli agricoltori accoglievano con favore i gatti perché tenevano le scorte di cereali prive di vermi. Nel tempo, l'uomo e l'animale si sono via via avvicinati e la selezione basata sul comportamento ha alla fine portato all'addomesticamento del gatto.

 

I commerci e la diffusione del gatto nel mondo

Gli agricoltori, nelle loro migrazioni, hanno portato con loro i gatti addomesticati e, in una fase successiva, si sono diffusi in Europa e ovunque, grazie ai commerci con l'Egitto. In particolare, usati per combattere i vermi sulle navi commerciali egiziane, i gatti hanno raggiunto l'Asia meridionale, l'Africa e l'Europa. Ossa di gatti di origine egiziana sono stati trovati anche nei siti vichinghi nei pressi del Mar Baltico.
Una cosa non ancora chiara, tuttavia, è se il gatto domestico egiziano discenda dai gatti importati dal Vicino Oriente o se in Egitto si sia verificata una seconda e separata domesticazione.

Infine, il pelo del gatto antico era quasi sempre a strisce, come dimostrano le illustrazioni egiziane, mentre il pelo a macchie si è diffuso solo nel Medio Evo. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Ecology and Evolution.

copertina   luglio-agosto 2017

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

BANNERABBONATI

iscriviti copia

castellani

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.