Sapere Scienza

Sapere Scienza

Le auto a guida autonoma migliorano il flusso del traffico

19 Marzo 2018

L’introduzione di autoveicoli a guida autonoma nel traffico può contribuire a migliorarne il flusso e a diminuire il consumo di carburante. Questo secondo una ricerca della Rutgers University-Camden recentemente presentata a Washington D.C.

 

Una ricerca multidisciplinare

 

La National Science Foundation, un’agenzia governativa statunitense che si occupa della promozione del progresso scientifico e dell’avanzamento della salute, prosperità e welfare all’interno del paese, ha invitato gli scienziati a discutere del proprio lavoro con i leader dell’industria automobilistica e gli ufficiali governativi, in occasione del Washington Auto Show, tenutosi a gennaio. Un team multidisciplinare di ricercatori, esperti in teoria del flusso di traffico, teoria del controllo, robotica, sistemi cyber-fisici e ingegneria dei trasporti, hanno mostrato ai rappresentanti politici presenti all’evento come le automobili a guida autonoma possano aiutare a prevenire gli ingorghi stradali o farli scomparire una volta formati.

 

banner articoli sapere4

 

I meccanismi del traffico

 

Gli automobilisti tendono a creare un traffico di tipo stop-and-go, ad esempio quando cambiano corsia o confluiscono in una strada, o ancora a causa delle naturali oscillazioni della guida umana. Gli studiosi hanno dimostrato che, controllando il ritmo delle auto a guida indipendente, questi veicoli contribuiscono a regolarizzare il flusso di traffico e a dissolvere le ondate stop-and-go. Durante il Washington Auto Show, gli scienziati hanno permesso ai visitatori di osservare il loro esperimento attraverso la realtà virtuale, guardando una rappresentazione 3D in cui un’unica auto a guida autonoma girava in una pista in maniera continua insieme ad altre venti automobili guidate da persone.

 

L’impatto delle automobili a guida autonoma

 

I ricercatori hanno determinato che anche una piccola percentuale di auto a guida autonoma, il 5%, può avere un impatto significativo nell’eliminazione dell’oscillazione del traffico e nella diminuzione del consumo totale di carburante e degli eventi di frenata. Benedetto Piccoli, ricercatore della Rutgers University-Camden e autore dell’articolo che descrive lo studio, ha commentato: “Molti politici, produttori di auto, venditori e altre persone con cui abbiamo parlato erano molto impressionati dai risultati della ricerca e hanno mostrato sentimenti positivi nei riguardi dei veicoli autonomi. Sono tutti d’accordo che l’impatto sull’economia del traffico reale e su quello ambientale potrebbero essere di grande importanza”.

 

La mobilità sostenibile è, invece, il tema dell’articolo "Le alternative per la mobilità sostenibile: il caso dell'idrogeno" di Lorenzo Battisti e Luciano Celi che potrete leggere acquistando l’ultimo numero di Sapere.

copertina   marzo-aprile 2018

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.