Sapere Scienza

Sapere Scienza

Nanotecnologie: un rivestimento autopulente che si ispira al loto

23 Febbraio 2015

L'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova ha sviluppato un rivestimento nanotecnologico trasparente che è autopulente e antiaderente, e che si ispira alle foglie del fiore del loto. Il gruppo Smart Materials dell'istituto è partito da una colla commercialmente disponibile che è stata alterata tramite particolari tecniche di deposizione del polimero adesivo e una procedura termica. In questo modo, è stato ottenuto un materiale di rivestimento multifunzionale con proprietà autopulenti, antigraffio e antiaderenti. Il suo segreto sta nella struttura a nanofibre ispirata a quella delle piante come il loto e alcune piante carnivore, le cui foglie si mantengono sempre pulite grazie alle caratteristiche della loro particolare tessitura che fa scivolare via il fango e intrappola meglio gli insetti.

 

Applicazioni anche in campo medico

Essendo il rivestimento trasparente, le sue principali applicazioni si possono ricercare in:

  • vetri autopulenti
  • lenti antigraffio
  • finestre autopulenti
  • parabrezza e schermi più robusti

Inoltre, l'alta biocompatibilità ne consente l'utilizzo anche in campo biomedico. Infatti, grazie alla sua rugosità di superficie, il rivestimento può facilitare l’adesione cellulare, promuovendo l’integrazione degli impianti protesici senza avere conseguenze negative sull'organismo.

copertina   maggio-giugno 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

clark

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.