Sapere Scienza

Sapere Scienza

Cambiamento climatico: l'Europa si sta riscaldando più velocemente del previsto

4 Settembre 2019

È settembre e l'estate sta per concludersi. In Italia e nel resto dell'Europa anche quest'anno sono state registrate giornate con temperature molto alte, al di sopra della media. Molti di voi si chiederanno se questi dati sono realmente preoccupanti e se sono legati al cambiamento climatico in atto. Gli scienziati hanno analizzato le temperature raccolte dalle stazioni meteorologiche dal 1950 al 2018 nel nostro continente e i risultati ottenuti non sono incoraggianti.

 

Le conseguenze del cambiamento climatico iniziano a mostrarsi

 

Come riporta l'articolo pubblicato nella rivista scientifica Geophysical Research Letters, si stima che le attività umane abbiano causato l'innalzamento della temperatura terrestre di un 1°C rispetto a quella del periodo preindustriale. È stato osservato un aumento della temperatura media ma vi è anche la tendenza a picchi di caldo intenso più frequenti. Negli ultimi decenni la situazione è peggiorata qui in Europa: il nostro continente è una delle aree che sta soffrendo maggiormente dell'intensificazione dei massimi di calore a partire dagli anni Cinquanta e, contemporaneamente, c'è stata una diminuzione nella frequenza dei picchi di freddo. Questa è la situazione generale ma cosa ci raccontano i dati nello specifico? Leggiamoli insieme.

 

banner articoli sapere4

 

Un'Europa più calda di quanto previsto

 

Dai dati esaminati dai ricercatori dell'Institute for Atmospheric and Climate Science di Zurigo, in Svizzera, è emerso che in media, in tutta Europa, il numero di giorni con caldo estremo e stress termico sono triplicati e i picchi di calore hanno subito un incremento di 2,3°C dal 1950 al 2018. Nella zona centrale il riscaldamento supera la media estiva del 50%.
Il numero di estremi freddi, invece, è diminuito di un fattore pari a 2-3 e la loro temperatura aumentata di più di 3°C, a livello regionale, superando la media invernale delle temperature.
Il riscaldamento dei massimi freddi e caldi è stato registrato nel 94% delle stazioni di raccolta dati e questo dimostra che non si sta parlando di variabilità interna a un territorio ma di un fenomeno esteso.
Qualcuno potrebbe ipotizzare che questi risultati riflettano il trend naturale di riscaldamento terrestre ma Ruth Lorenz, scienziata del clima e autrice principale dello studio, ci mette in guardia: "Persino a questa scala regionale in Europa, possiamo osservare che queste tendenze sono molto maggiori di ciò che ci saremmo aspettati dalla variabilità naturale. Questo è veramente un segnale del cambiamento climatico".
I risultati ottenuti mostrano anche che l'area europea si sta riscaldando più velocemente di quanto previsto dai modelli climatici: in particolare in alcune regioni ci sono picchi più alti di quanto ci si aspettasse, in altre estremi più bassi. Geert Jan van Oldenborgh, analista climatico del Royal Netherlands Meteorological Institute a De Bilt, in Olanda, non coinvolto nella ricerca pubblicata, ha commentato nel comunicato ufficiale dell'American Geophysical Union: "In Olanda, Belgio, Francia, le tendenze dei modelli sono circa due volte più basse di quelle osservate. Stiamo raggiungendo nuovi record più velocemente di quanto ci aspettassimo".

 

La lotta contro il riscaldamento globale è sempre più difficile
 

Come abbiamo potuto osservare per esperienza diretta, le ondate di calore estremo non sono da sottovalutare: sono molto pericolose e possono portare a stress significativi per l'organismo umano, soprattutto in coloro che sono più vulnerabili come anziani e malati. Tra gli effetti sulla salute ci sono i colpi di calore fino ad arrivare a conseguenze più gravi come l'infarto. Purtroppo estati e inverni europei saranno sempre più caldi, in concomitanza con l'accelerazione dei cambiamenti climatici, e allo stato attuale non siamo preparati all'impatto che tutto questo provocherà su persone e città.

 

Affidarsi a dati storici è essenziale nello studio e previsione del cambiamento climatico. Per comprenderne il motivo, acquistate e leggete l'articolo di Michele Brunetti e Maurizio Maugieri, "Ricostruzioni climatiche in Italia", pubblicato nel numero di ottobre 2015 di Sapere.

 

Immagine di copertina: questa è un'immagine satellitare che rappresenta il calore emesso dall'Europa il 25 luglio 2019 e mostra i più alti picchi di temperatura di questa estate. Credits: Copernicus Sentinel data (2019) ESA - Copernicus Sentinel data (2019)

copertina   settembre-ottobre 2019

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

tirelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.