Sapere Scienza

Sapere Scienza

La "marea terrestre" dietro i "tremori" della faglia di San Andreas

21 Luglio 2016

Piccoli terremoti di profondità nella faglia di San Andreas hanno maggiori probabilità di verificarsi quando la cosiddetta "marea terrestre" aumenta.

In modo simile a quanto avviene nelle maree oceaniche, nella marea terrestre la crosta terrestre si alza e abbassa leggermente in risposta alla forza gravitazionale combinata del Sole e della Luna. Variando in grandezza nell'arco di un periodo di 2 settimane, queste "maree quindicinali" innescano terremoti solo in determinate condizioni e questi terremoti possono rivelare importanti informazioni sulle caratteristiche della faglia.


Nicholas J. van der Elst e colleghi dello Earthquake Science Center, United States Geological Survey, di Pasadena, California, si sono concentrati su piccoli, profondi eventi sismici noti come terremoti a bassa frequenza (low-frequency earthquakes, LFE) e hanno confrontato le fasi degli innalzamenti e abbassamenti della crosta terrestre con le caratteristiche di 81.000 LFE catalogati che si sono verificati nella faglia di San Andreas in California tra il 2008 e il 2015.

 

Le analisi, come si legge sulla rivista PNAS, hanno rivelato che il numero di picchi di LFE aveva una periodicità quindicinale e corrispondeva all'innalzamento della crosta terrestre, quando la forza gravitazionale combinata del Sole e della Luna sulla crosta terrestre era al suo massimo. Gli scienziati ritengono che gli LFE si verificano quando lo stress dovuto alla marea terrestre supera la forza della faglia locale e innesca uno slittamento.

9788822094445   luglio-agosto 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

caraveo saperescienza

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.