Sapere Scienza

Sapere Scienza

Un oceano d'acqua nelle rocce sotto gli Stati Uniti

13 Giugno 2014

Un nuovo studio pubblicato su Science ha rivelato che nelle profondità della Terra, a circa 400 miglia, esiste una grandissima quantità di acqua. Un vero e proprio oceano che, però, non si presenta in forma liquida. L'idrogeno e l'ossigeno infatti, a quanto si legge nella ricerca della Northwestern University e dell'Università del Messico, sono intrecciati alle molecole delle rocce del mantello terrestre ma la loro quantità fa pensare a quella che potrebbe rappresentare la più grande riserva d'acqua del Pianeta. 

 

Gli scienziati hanno a lungo supposto che uno strato roccioso situato tra 250 e 410 miglia di profondità, delimitato dal mantello superiore e da quello inferiore, potesse essere ricco d'acqua. Il nuovo studio è il primo a fornire una prova diretta che in questa zona potrebbe effettivamente esserci acqua e che la regione interessata si estenderebbe lungo la maggior parte degli Stati Uniti.

 

L'acqua sarebbe presente in una forma anomala, imprigionata nella struttura molecolare dei minerali delle rocce del mantello. Gli scienziati hanno inoltre spiegato che se il peso delle rocce che si trova in questa zona particolare, detta 'di transizione', fosse dovuto all'acqua solo per l'un per cento, si avrebbe a disposizione una riserva di tre volte superiore alla quantità di acqua complessiva dei nostri oceani.

copertina   gennaio-febbraio 2020

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

iscriviti copia

petrocelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.