Sapere Scienza

Sapere Scienza

La scienza dei prodotti solari: come ci proteggono?

29 Giugno 2022 di 

Con l’inizio ufficiale dell’estate, tra bagni al mare ed escursioni in montagna, ecco riapparire creme e spray a proteggerci dal sole. Ma sappiamo come funzionano questi preziosi cosmetici?
La scienza dei prodotti solari è una materia complessa, dovendo attenersi alle restrizioni del Regolamento Cosmetico n. 1223/2009, alle regole della Raccomandazione 2006/647/CE della Commissione Europea per garantire un adeguato fattore di protezione solare (SPF) e al contempo creare soluzioni “cosmeticamente” affascinanti, con una texture leggera o un tocco setoso (per saperne di più leggi qui).

 

Come sono fatte le creme protettive?


Nella formulazione di un prodotto solare concorrono quindi diversi ingredienti, come emollienti, siliconi, antiossidanti, emulsionanti – le sostanze che permettono all’acqua e agli oli di incontrarsi – e filtri solari, i responsabili della nostra protezione, in grado di schermarci dagli effetti dannosi dei raggi ultravioletti (UV).

 


I raggi UV, invisibili all’occhio umano, si suddividono in tre tipi – UVA, UVB e UVC – in ordine crescente di energia. Mentre i raggi UVC sono schermati dallo strato di ozono, i raggi UVB ma soprattutto UVA arrivano sulla Terra e, interagendo con la cute, determinano scottature (UVB) e invecchiamento (UVA). Gli effetti, tuttavia, non si fermano qui: colpendo cellule e DNA, possono innescare danni anche a livello oculare o portare alla nascita di melanomi (tumori della pelle).

 

Spalmati di vernice nera


Questo video racconta come appare la nostra pelle alla luce del sole e l’incredibile, quasi magico effetto “colorante” di una protezione solare. Se avessimo una vista a raggi UV, dopo esserci spalmati la nostra crema, appariremmo come ricoperti da una vernice nera: uno spettacolo bizzarro, sì… ma necessario per una “tintarella” in sicurezza.
I prodotti solari quindi creano uno schermo protettivo sulla nostra pelle. Volendo entrare nei dettagli, per comprendere cosa avviene a livello chimico-fisico, pensiamo a come sono suddivisi (erroneamente) i filtri solari: ne esistono di due tipi, chimici e fisici, anche se sarebbe più corretto parlare di filtri organici e inorganici. Vediamo perché.

 

(Quasi) tutta questione di assorbimento


Riferendoci all’INCI (Nomenclatura Internazionale degli Ingredienti Cosmetici) che appare in etichetta, tra i primi ingredienti troviamo, ad esempio, homosalate e octocrylene.
I filtri organici funzionano mediante assorbimento: hanno strutture complicate, con uno o più anelli aromatici, che assorbono l’energia dei raggi UV, passando a uno stato “eccitato”. Questa condizione però non dura a lungo: la molecola torna allo stato iniziale cedendo energia in forma meno dannosa, ad esempio come calore, o emettendo radiazione con una maggiore lunghezza d’onda. Tali filtri assorbono soprattutto i raggi UVB, pochi coprono anche gli UVA. Per questa ragione si trova spesso una combinazione di più ingredienti.
Tra i filtri inorganici troviamo invece zinc oxide e titanium dioxide, che si presentano come polveri minerali. Inizialmente, si pensava che funzionassero come uno specchio (da cui il nome di filtri fisici), riflettendo i raggi o deviandoli attraverso lo scattering, ossia sparpagliandoli in più direzioni. In realtà, entrambi i fenomeni sono responsabili solo del 15% della protezione; per la restante parte funzionano proprio come i filtri organici. A differenza di questi ultimi però, i filtri inorganici coprono tanto gli UVB quanto gli UVA, quindi è possibile trovare solari con una base esclusivamente minerale.

 

Protetti sì… ma non al 100%


Una volta compreso il meccanismo, è confortante pensare che le creme solari formino questa “invisibile” armatura nera contro il sole. Ma bisogna ricordare che la protezione non è totale. Infatti, come riporta la Raccomandazione 2006/647/CE, «nessun prodotto per la protezione solare riesce a filtrare la totalità dei raggi UV». Ecco perché è importante riapplicare la crema con frequenza e in quantità adeguate: per proteggere in maniera sicura il corpo di un adulto servirebbero ben sei cucchiaini da tè. Nessun timore quindi ad abbondare e spalmarci da capo a piedi più volte!


Immagine: copyright prostooleh - Freepik

Davide Musardo

Laureato in Biotecnologie Mediche e Nanobiotecnologie, Davide Musardo ha intrapreso il Master in Scienze Cosmetiche presso l’Università di Pavia nel 2017 e attualmente lavora in Belgio nel settore della consulenza e regolatorio cosmetico. Adora la cucina, la fotografia e l’hiking.

copertina   luglio-agosto 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.